home

Post archiviati nella categoria 'Personale'

20/07/2005

100!

di Antonio Sofi, alle 22:17

headerartNel mettere il nuovo header, margherite, gentile omaggio del caro amico giac (a proposito auguri!), mi sono accorto che, con la conta degli header (sì, quei cosi che stanno sopra questo post, con su scritto webgol, e che cambiano ogni tot umorale) è arrivata fino al numero 100 (cento). In due anni e mezzo. Cento header (sempre quei cosi lì).

Dopo rapida conversazione internazionale (eh, la Svizzera) con Enrico, decidiamo di festeggiare l’accaduto. Una sorta di omaggio ai coraggiosi che ci leggono.

Continua a leggere »

30/06/2005

Timing

di Antonio Sofi, alle 14:02

Comincio a pensare che mi difetti drammaticamente quello che si chiama il giusto timing. Dopo più d’un mese dalla fine del neuweb, mi sono accorto di avere altre cartelle di foto. Le ho messe tutte qui – il caro vecchio meglio tardi che mai può valere anche in questo caso.

Cambiato anche l’header, dopo il running Sergio, un paesaggio assolato, opera di emmegi, caro amico e maestro di arte tridimensionale (che per webgol ha già prodotto uno splendido filmato in 3d di una nave maltese, e un koan 3d sulle arti marziali).

Nei prossimi giorni, finita la preannunciata pausa, si riprende (con quale tema ancora non si sa, dovevamo decider ieri a pranzo, ma lo spaghettino con le cozze non aiuta la riflessione).

23/06/2005

Parrucchiere Mullet Cevoli Manila (mischiare a piacimento)

di Antonio Sofi, alle 15:08

Un allegro veloce miscuglio.

*Hair*

I commenti al bel post di Santa Di Pierro su Nuccia e le altre parrucchiere del sud rischiavano di diventare, come acutamente sbagliava Fabrizio, luogo riservato alle sole donne: «le quali possono ritrovare, miscelati, il profumo della madeleine proustiana e quello pungente dell’acido per permanenti».
E invece, toh, ecco delle belle storie al maschile, giusto a dimostrare che non ci sentiamo inferiori a nessuno quanto a vanità tricotiche.

Continua a leggere »

15/06/2005

Carenature

di Antonio Sofi, alle 22:23

Visto che io non riesco a trovare tempo per scrivere (e andrà avanti, credo, fino a fine mese), il caro vecchio bianda pare essersi infrattato nelle verdi valli sguizzere, do fondo ai miei jolly di riserva in draft.

[A proposito della sguizzera, ho scoperto, con stupore sincero da monogamo marittimo, che da quelle parti, d’estate, fanno il bagno nei fiumi – nei fiumi! – cioè in affari con le rapide tipo questo (la foto è mia). Nei fiumi, ci credo a stento. Tra l’altro leggende ticinesi raccontano del bianda che surfa rimbalzando di pietra in pietra sul petto carenato, con atteggiamento di scherno verso i pavidi che non si ci provano – o era la sardegna?), da quando l’ho scoperto, insomma, m’è venuto una specie di lamento interno da gatto che non riesce ad acchiappare una mosca.]

Continua a leggere »

01/06/2005

Ehm

di Antonio Sofi, alle 13:46

Ci scusiamo per l’interruzione. Le trasmissioni riprenderanno il più presto possibile (sempre sognato di scriverlo). Questa volta la lentezza, più che una scelta programmatica, è, come si dice?, giocoforza (un gioco di forze, e la forza del gioco). Sorry. :)

28/05/2005

Evviva gli sposi

di Antonio Sofi, alle 13:40

Pordenone. ovvero il sole sincero del nord-est.
Veramente io avevo proposto ai convolanti una bella diretta in streaming con web cam sull’altare, ma pare non si possa. Però mi son portato la macchina fotografica, ahiloro, e di sicuro, che mi succede sempre così, entrerò in insensata competizione con il fotografo professionista. Comunque potete già fare gli auguri a Sergio e Stefania (niente link, chi se ne frega), una coppia meravigliosa.
Io, sarà l’età, ma mi sono commosso.

05/05/2005

Cifra tonda

di Antonio Sofi, alle 00:00

Io avrei ampiamente glissato, ma il caro Bianda mi avrebbe glissato la testa con una pialla svizzera, visto che sul suo, di compleanno, con un colpo di mano barbino, ho scritto un post d’annunciazione urbi et orbi.
Oggi è il mio, e tra l’altro è cifra tonda.

30/04/2005

Sel-fish

di Antonio Sofi, alle 15:48

Il titolo forse lo capisco solo io, involuto com’è – ma mi diverto con poco.
Veloci segnalazioni di piccole letture, autocentrate e non, casomai viveste nell’unico posto in Italia dove non c’è il morbido sole che c’è.

*il déjà vu è un sacripante!*
Casomai, appunto, vorreste essere altrove. Che è il tema monografico del terzo numero di sacripante! (piccolo e con il punto esclamativo, c’è da ricordarselo ogni volta), rivista metamorfica (metà no, mi verrebbe da dire come il groucho di dylan dog) e piena di tanti bei pezzi da leggere, così tanti che il cor nella scelta si spaura. Tra i tanti c’è anche una mia piccola ossessione. Si chiama Déjà vu e parla di un pensiero ricorrente, di un cartello appeso fisso alle pareti del risveglio: «Quando quello che vivi, senti, provi ti sembra di averlo già visto, sentito, provato; quando vedi un gatto che passa due volte dalla stessa porta, nello stesso modo, con lo stesso miagolio, stai attento. Potrebbe essere una trappola.»

*Webgol su BlogItalia*
Maria Cristina Di Luca, aka Criscia ha scritto una fin troppo gentile recensione del caro vecchio webgol su BlogItalia. Grazie.

Continua a leggere »

01/04/2005

Pesci a 360°

di Antonio Sofi, alle 10:37

Due cose al volo, del tutto scollegate tra loro, sorry.

Pesci
Sempre un problema postare il primo d’aprile (se vuoi saperne di più, Placida Signora, come sempre, è meglio dell’enciclopedia). Questa anticipazione, per esempio, sarà vera? (fatto e pensato bene, il pesce, comunque, nel caso in cui). La verità è che quest’anno non siamo riusciti a metterci d’accordo, io ed Enrico. Facciamo che vale lo scherzetto dell’anno scorso, ben riuscito. Per chi se lo fosse perso sta qui. Dovevamo cambiare tema, e ci venne l’intuizione di annunciare un tema su “Le donne (viste dagli uomini)” in cui annunciammo una serie di interventi del tutto improbabili. Ricevemmo vari commenti feminili, tutti dello stesso tono – che sintetizzammo in un successivo post quale perfetta dimostrazione della “tecnica del trappolone femminile“.

360
Per chi volesse, ho a disposizione una marea di inviti per il blog/social network (ma non mi sembra questo granchè) Yahoo 360°. Se c’è qualcuno che ne vuole uno per giocarci un po’, basta chiedere.

20/03/2005

Eroe mai cantato

di Antonio Sofi, alle 21:46

Martedì 22 Marzo, cioè dopodomani, sarò a Pisa per una giornata dedicata ai blog all’interno di una tre giorni molto ricca di eventi (e di sfide giovani e multidisciplinari sotto del segno della lealtà e del fair play) dal titolo Eroe mai cantato.

Spudoratamente, cito Sergio “una bella iniziativa biennale nata per iniziativa di un giornalino liceale, il cui scopo è celebrare persone esemplari vissute lontano dai riflettori e, più in generale, esaltare la creatività nei più giovani”. Ci saranno anche, appunto, Sergio Maistrello, Antonio Zoppetti, Adele Marra e William Nessuno, con i quali condividerò l’arduo compito di scegliere il miglior blog giovane tra quelli che si sono iscritti.

13/03/2005

Op, ops, oplalà

di Antonio Sofi, alle 21:58

*Op*
Ho alzato il capino dal sudato monitor, ed era già buio (ben mi sta a procrastinare sempre qualsiasi cosa sia procrastinabile). Mi sono rimboccato le virtuali maniche e ho deciso di dare una rispolverata al vecchio caro OP, curato dal vecchio e caro Bianda, in vista della riapertura del corso Sociologia dell’opinione pubblica. Una cosina fatta velocemente, partendo dalla base di webgol, ovviamente. E, miracolo, finalmente sono apparsi due pezzi di Alessandro Chiappetta e Alessandro Orrù, che, misteri di movable type, proprio non volevano saperne di mostrarsi. Anzi ci scusiamo con loro per aver fatto “scadere” un po’ le loro riflessioni.

*Ops*
Intanto, già che c’ero, prima di rituffarmi ecc. ecc., ho deciso di pensare un po’ a cosa fare della mia vita.

Continua a leggere »

13/02/2005

Due al prezzo di uno

di Antonio Sofi, alle 20:27

coltellino sguizzeroOggi festeggiamo due cose insieme, per economia augurale.

– I 2 anni di webgol (quasi: manca qualche giorno);
– Il compleanno del caro vecchio Bianda.

Questo è un colpo di mano, lo dico subito – visto che mi era stata chiaramente richiesto il più cupo dei pubblici silenzi sul genetliaco.

Continua a leggere »

19/01/2005

Pochi, maledetti e subito

di Antonio Sofi, alle 14:53

Ha ragione Gianluca, il vero post è solo precox.

Uno avrebbe in mente da due mesi almeno due o tre post di quelli che si potrebbero definire “epici”, di quelli che ci tieni, di quelli che hai in mente sin nella punteggiatura.
link

A postarli via pensiero, però, ancora non riesco.
E, da un po’ di giorni, mi hanno depredato del tempo casalingo e serotino, bloggante per eccellenza, per questioni di linea telefonica e di prima posa in nuova casa. Che, tanto per dire, avrei preferito non avere il riscaldamento. In quel caso c’era sempre l’alternativa di bruciacchiare qualche mobile sul terrazzo, per riscaldarsi. E a scrivere un post in word, per dire, sarà un problema mio, non ci sono mai riuscito.

Per i post di un blog vale il vecchio adagio di chi è alle prese con debiti da insolventi cronici (che la voglia di scrivere si comporta più o meno allo stesso modo: insolve cioè). Pochi, maledetti e subito.

31/12/2004

Davanti al dolore degli altri

di Enrico Bianda, alle 02:38

Per i militanti l’identità è tutto

Susan SontagPer un buffo scherzo del destino Susan Sontag è morta proprio in questi giorni, mentre il dolore infinito che affligge i milioni di abitanti del sud est asiatico è esposto e commentato, e quello risentito dei turisti è promosso e argomentato.
Ci eravamo lasciati sulle pagine del suo ultimo saggio, proprio quel Davanti al dolore degli altri, che ribaltava per certi versi la prospettiva del processo espositivo e moltiplicatore delle immagini e della società della comunicazione.

Continua a leggere »

19/12/2004

Stagni e minchiate

di Antonio Sofi, alle 17:43

Due cosine al volo, che ho il lap top affetto da strana malattia (una febbre a 100% della cpu, qualcuno ne sa qualcosa?)

* Stagni *
Come molti prima di me hanno scritto, l’inserto domenicale de La Repubblica è proprio ben fatto – esempio notevole di un giornalismo d’approfondimento che comunque rimane attaccato all’attualità. Come spesso accade, la semplice esistenza di un luogo (in questo caso editoriale) catalizza persone, idee e comportamenti a quel luogo consonanti (in questo caso belle penne e belle storie). Un esempio per tutti è Paolo Rumiz che in quelle pagine ci sguazza, come un pesce che ha finalmente trovato lo stagno in cui nuotare.

Continua a leggere »