home

Leggi gli aggiornamenti in home page

16/10/2010

Anno Zero. Quattro libertĂ  alla moviola.

di Antonio Sofi, alle 11:20

Per lo spazio “moviola” di AgorĂ , trasmissione mattutina condotta da Andrea Vianello dal lunedì al venerdì su Rai Tre (spazio che cerca di raccontare la tv del giorno – o dei giorni – prima: e attraverso di essa un po’ della politica che ci capita intorno) quattro momenti dalla puntata di giovedì della trasmissione di Michele Santoro – molto attesa e molto vista.

    1) LibertĂ  di scrivere. L’appello al voto, anzi alla lettera (ma senza precise indicazioni di come fare – il che ha generato varie spontanee iniziative dal basso, anche su Facebook);
    2) LibertĂ  di leadership. Bersani paga l’essere l’unico big del parterre ospiti (Formigoni ha deciso di vestire un profilo modesto da amministratore, evitando di vestire i panni del leader nazionale). In collegamento da Faenza con le cassintegrate dell’Omsa viene “messo in mezzo” come interlocutore “istituzionale” e di governo…
    3) LibertĂ  di domanda. Le sovrastrutture di Porro e Zurlo, che fanno diventare pazzo Santoro, e lo spazio in cui non chiedere che non c’è (e sempre Bersani messo in mezzo…)
    4) LibertĂ  di canzone. Il finale canterino con Gaber. C’è un piedino di Bersani che cede al ritmo e Formigoni che completa la sua serata da “uomo di sinistra” cantando senza remore “LibertĂ  è partecipazione”.

  • Mo ce sta solo Berlusconi, e gli italiani. Sti stronzi.
  • Il raddoppio di Bersani: Casini, vieni via con me?
  • Tra i due litiganti, il terzo incomodo gode
  • Il riso abbonda nella bocca dei politici

  • Lascia un commento