home

Leggi gli aggiornamenti in home page

29/08/2010

In giro per il mondo cane. Sei puntate trovarobate dal tour di Patton.

di Antonio Sofi, alle 23:57

Mondo Cane di Mike Patton √® un disco a modo suo spettacolare, a lunga conservazione. Fatto di cover di canzoni che – come ha scritto Enrico su Webgol qualche settimana fa – non hanno bisogno di niente, sono buone così com’erano: semplici, stralunate, lineari, aggrappate a una idea speranzosa del futuro che forse poi la musica leggera ha un po’ perso. E che una voce aliena come quella di Mike Patton ripropone come se venisse da un altro mondo. Un mondo cane, appunto – daltonico ma amico.

Riprendo le fila di questo disco per segnalare vecchia maniera le sei Рaltrettanto spettacolari e sui generis Рpuntate di reportage scritte da Enrico Gabrielli, bravissimo polistrumentista di milioni di gruppi italiani e non, che è stato in giro per il mondo con il tour del disco, concluso da poco.

Le puntate sono pubblicate (e archiviate in modo non del tutto facile da trovare) sul sito di Trovarobato, etichetta indipendente e da queste parti amatissima e amica.

La sesta e ultima puntata, per dirne una, √® esilarante: Patton e gli altri sono in Israele, ed Enrico pare avere un problema di passaporto…

“E’ un gran casino, come ti dicevo, per√≤ forse una soluzione si trova”. La ragazza comincia, in inglese, a spiegarmi quale potrebbe essere lo sgamo. E’ visibilmente in imbarazzo. Traduco in italiano: “Non avendo pi√Ļ il tuo passaporto, siamo arrivati a questo compromesso: ne abbiamo fatto fare uno dall’autorit√† Israeliana valido solo per 3 giorni, il tempo utile perch√® tu possa uscire da Tel-Aviv. In questo caso tu ti chiami Efraim Gavriel perch√® qua si d√† il nome ebraico, soprattutto a fini burocratici.” Mi passa un passaporto: c’√® la mia faccia, i timbri statali, la mia data di nascita, il mio numero, il sesso e a fianco tutto ritradotto in ebraico. Come fosse il passaporto di una mia vita parallela. Mi vien da ridere, ma cerco di non farlo sul muso di questa specie di agente segreto. “Il problema per domani, per quando partirai per Londra,” continua “√® che serve un timbro dalla comunit√† Ebraico Ortodossa per rendere tutto realmente valido. Sono vecchie stupide leggi, ma purtroppo qua √® cos√¨. In sostanza ti devi fingere ebreo e devi assolutamente circonciderti. E devi farlo domattina.”

In Russia, per esempio, c’√® un club dalla pistola troppo dura.

Ci si aspettava un auditorium invece √® un club tipo Velvet di Rimini. L’ingresso posteriore sembra quello di una palestra di Boxe o di Tana delle Tigri. E’ tutto fatiscente, tutto un p√≤ unto, un p√≤ cetriolo, un p√≤ pesce marcio, bocche sporche, brillantini sulle scale, sottili strisce di fumo. E questa gente ha una durezza e una morte nel cuore per cui √® inutile infierire con del sarcasmo scemo. La pistola che serve per i colpi in scena di “Che notte” √® troppo dura per Mike e per gli altri della band. Il ragazzo enorme che fa da assistente alla produzione ci riesce come niente fosse, come fosse una cerbottana lancia piselli.
La cosa inquietante √® che ci sono riuscito anch’io; ma l’ho provata in gran segreto.

Mentre in Italia, a Milano, c’√® l’incontro con il sindaco, accompagnato nientepopodimenoch√® da Red Ronnie…

Poi vedo Red Ronnie vecchio; ed √® proprio lui! Red Ronnie vecchio, che scopro essere alle dipendenze del comune per svolgere attivit√† culturali. Nick the Nightfly presenta Mondo Cane davanti alla platea. Ringrazia il sidaco che fortemente ha voluto la manifestazione e che √® presente in sala. Compatti, sincronizzati, come ad un segnale convenuto tutti quanti e me compreso, fischiamo e urliamo insulti. Dura poco ma √® uno scroscio sentito di merda. E mi sento di voler bene a questo luogo e a questa gente, troppo spesso fumosa ma qualche volta partecipativa e sincera. Al sindaco dobbiamo un check compreso tra le 16 e le 19 (siamo in 24 sul palco) e un limite di decibel ridicolo. In camerino ha anche chiesto a Mike un gentile autografo sul disco. Mike ha risposto: “S√¨ ma poi lo ascolti dopo, vero?”

Insomma uno sguardo buffo dietro le quinte – stralunato e divertente come il progetto.
C’√® anche la terza puntata in Polonia, la seconda in Italia e un prologo.
Bravò.

UPDATE. Mi segnala il buon Evaristo nei commenti il video dell’incontro fra Mike Patton e Letizia Moratti, unica testimonianza video direttamente dal canale YouTube del comune di Milano “molto pi√Ļ surreale di quanto ci si potrebbe aspettare. Emozionante”.


  • Mondo cane. Per fortuna
  • La lobby delle scatolette è più forte di Hollywood
  • La crisi, l’economia nelle persone e l’innovazione nelle relazioni
  • Un blogging tour estivo. Un blog per i piccoli comuni.

  • Un commento al post “In giro per il mondo cane. Sei puntate trovarobate dal tour di Patton.”

    1. evaristo
      agosto 30th, 2010 13:38
      1

      Esiste (ed √® unico) testimonianza video dell’incontro fra Mike Patton e Letizia Moratti. La si pu√≤ vedere qui, http://www.youtube.com/watch?v=lb19BcCXtNU ed √® molto pi√Ļ surreale di quanto ci si potrebbe aspettare.
      Emozionante.

    Lascia un commento