home

Leggi gli aggiornamenti in home page

18/08/2009

L’Italia sottosopra. L’emergenza della normalit√† (e viceversa).

di Sir Squonk, alle 11:01

[Per la rumizzeide, categoria che da 5 anni accompagna con piccole chiose a margine i viaggi estivi di Paolo Rumiz, il secondo appunto di Sir Squonk sul racconto di quest’anno dell’inviato di Repubblica, in cerca dell’Italia profonda o sprofondata, che ribolle e si muove: L’italia sottosopra. Buona lettura. as]

La memoria è il fondamento della prevenzione, dice Rumiz. E immagino che abbia ragione, non previeni ciò che non conosci.

Ma con questa piccola e breve frase Rumiz, non so quanto volontariamente, dice la pochezza del suo viaggio: quel che in prima battuta sembra grande, affascinante ed epico si rivela per quel che è davvero Рil vano muoversi da un vallo ad una rovina, da una frattura ad una fiumara pronunciando parole che nessuno ha voglia di sentire.

In fondo √® tutto coerente, tutto torna: se uno si costruisce una baracca abusiva sull’Etna, e l√≠ va ad abitare, e si abitua ad una qualit√† della vita (le strade, le fognature, i rifiuti) mille miglia lontana da quella – per dire – dei giapponesi che saltano al ritmo della Richter una volta alla settimana senza che questo turbi i loro sonni, se uno vive ed accetta di vivere cos√¨, il Big One o un suo fratello minore non √® che un’altra pagina di normalit√†.

Business as usual, da una tragedia ad un’emergenza, ch√© la vita √® questa e non altra.


  • L’Italia sottosopra. Ci√≤ che era, fino all’ora (dell’aperitivo).
  • L’Italia sottosopra. Il nuovo viaggio estivo di Rumiz.
  • L’Italia sottosopra (e senza astri). Il sismografo delle nostre rimozioni.
  • Cosa c’√® sotto l’Italia? Intervista a Paolo Rumiz.

  • Lascia un commento