home

Leggi gli aggiornamenti in home page

16/06/2009

Political divide, Facebook e gli sposta-voti

di Antonio Sofi, alle 11:02

Il secondo estratto della ricerca sull’uso del web da parte dei parlamentari italiani (condotta da Stefano Epifani e pubblicata su Spindoc) ├Ę online.

Questa volta il focus ├Ę sulla tipologia di strumenti utilizzati: tra siti (tradizionali), blog (pi├╣ o meno personali) e social network. Il dato emergente pi├╣ significativo (la “fotografia” delle informazioni ├Ę stata scattata ad Aprile) ├Ę la velocit├á di diffusione dei social network come modalit├á di azione e interazione dei parlamentari – tra i quali la fa da padrone Facebook, ovviamente (quasi il 60% dei parlamentari attivi in Rete).

Strumenti web utilizzato dai parlamentari italiani. Via Spindoc
Strumenti web utilizzato dai parlamentari italiani. Via Spindoc

LEGGI: Political divide /2. Pot├Ę pi├╣ Facebook che i siti o i blog.

Poi, sull’argomento sempreverde politica e internet, segnalo una intervista a Francesco Costa per Qdc sui risultati delle elezioni e su una campagna per le europee giocata anche sui nuovi media, e, sempre sulle elezioni, un approfondimento di Gianluca Diegoli dal titolo Nella Rete delle ├ęlite Internet non sposta voti – che su questo ragiona in modo problematico e costruttivo. Da leggere.


  • I tanti divide dell’internet italiano. Dalla politica alla musica indipendente.
  • Political storm
  • Il riso abbonda nella bocca dei politici
  • Video manent. Sicuramente mi dia del lei.

  • Lascia un commento