home

Leggi gli aggiornamenti in home page

09/03/2009

Buttare il bambino dei social network?

di Antonio Sofi, alle 12:46

Venerdì scorso, nel settimanale appuntamento con Quinta di Copertina, ho intervistato Giuseppe Civati, consigliere regionale del Pd e blogger che ha passato giorni di fuoco dopo le dimissioni di Walter Veltroni e prima dell’elezione di Franceschini – era finito a contrastare un fantomatico Uomo Nuovo come leader del Pd in alcuni sondaggi on line. Ne approfitto per parlare con lui, e più in generale, del rapporto tra politica e nuove tecnologie – a fronte ad una specie di neoluddismo che vorrebbe buttare il bambino dei social network insieme ai politici panni sporchi, e che viene anche da sinistra.

  • Ascolta l’intervista (mp3 (ca. 10 mega, 20 minuti)
  • Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

Rifletto da tempo sul modo in cui l’esperienza quotidiana della vita in Rete cambia – più o meno sensibilmente – le nostre routine comunicative, il modo in cui facciamo le cose minime e personalissime o pubbliche e sociali, i pattern cognitivi attraverso cui leggiamo il mondo. Da queste nuove esperienze parte, inevitabilmente, un nuovo modo di intendere la politica e la rappresentanza politica – se pure ha senso vi sia un modo nuovo (e io penso di sì). Ho trovato molto interessante questo passaggio, che riporto qui

La cosa più importante [del confronto quotidiano attraverso i blog, ndr] sono i commenti, o comunque la necessità di presentarsi sapendo che immediatamente dopo, qualche secondo o qualche minuto, qualcuno può dire il contrario. Devi essere sempre pronto a motivare quello che dici – a scanso di equivoci, o di fraintendimenti: è anche una palestra contro l’abitudine dei politici a pontificare, o a dichiarare su qualsiasi cosa. Bisogna in un certo senso imparare ad essere più duri ma anche più accorti – uscire con una posizione netta e poi precisarla strada facendo, via via che la conversazione ti permette di chiarire meglio.

Mi piacerebbe, per la prossima puntata, sentire un politico/blogger del centro destra, e fargli più o meno le stesse domande – qualche nome da sentire, suggerimento?


  • Aggiungi Ferdinand ai tuoi amici. Gemeinschaft e gesellschaft ai tempi di Facebook.
  • Facebook generation goes to Urbino
  • Political divide, Facebook e gli sposta-voti
  • Webgolr e il buon dio della Coda Lunga

  • 8 Commenti al post “Buttare il bambino dei social network?”

    1. Nicola Mattina
      marzo 9th, 2009 13:36
      1

      Che ne pensi di quella suffraggetta che che presenta disegni di legge scritti da quello dell’univideo? ;-)

    2. Camillo Miller
      marzo 9th, 2009 14:07
      2

      Gabriella Carlucci? Cioè volevo dire… Davide Rossi.

      :)

    3. Antonio Sofi
      marzo 9th, 2009 15:07
      3

      eh eh eh
      ma un suggerimento serio?

    4. Hamlet
      marzo 9th, 2009 16:42
      4

      Federico Mollicone
      http://www.mollicone.it/
      (dal 2005 responsabile web di an)

    5. Hamlet
      marzo 10th, 2009 00:09
      5

      Bruno Murgia
      http://www.brunomurgia.it/
      deputato an 2006-08 e pdl 2008-
      fa parte della VII commissione cultura e istruzione della camera

    6. Antonio Sofi
      marzo 10th, 2009 09:29
      6

      grazie hamlet!

    7. gluca
      marzo 14th, 2009 18:13
      7

      e provare con benedetto della vedova, o taradash o qualcuno della piccola pattuglia libertaria di FI?

    8. Marco Fontana
      aprile 1st, 2009 00:11
      8

      Personalmente sto lanciando proprio in questi mesi un sito come eletto nel mio comune, Torino. Anche il centrodestra deve affidarsi a questo nuovo tipo di comunicazione che apre orizzonti nuovi.
      Non dimenticando mai però le basi del consenso che sono fatti di consensi e contatti nel mondo reale

    Lascia un commento