home

Leggi gli aggiornamenti in home page

30/01/2009

Ondavè (seconda parte). Diario scomodo dall’India

di Enrico Bianda, alle 16:45

Allora iniziamo dall’inizio. Passo il viaggio seguendo la piccola sagoma dell’aereo che passa sopra territori sconfinati e bellissimi, intriganti: il Mar Nero e Odessa, dove anelo di andare da tre anni, l’Afghanistan, Peshawar, e altro ancora. Tutto sotto di noi, da qualche parte oltre il buio, oltre le nuvole.

Delhi by Manuela Ladu
Delhi by Manuela Ladu

Finalmente a Delhi, preparato a tutto, seguo dettagliatamente le indicazioni di un amico, e cerco un ufficio che ha un’insegna sgangherata: Pre-paid Taxi. 310 Rupie, esco nell’aria già calda del mattino, annuso per la prima volta l’aria e la luce. Perché a qui, in India, l’aria non solo si respira, a fatica, ma la si guarda, abbagliante.

E’ il “dolce aroma impregnato di sudore della speranza, che è l’opposto dell’odio; so che è l’aroma acre e soffocante dell’avidità, che è l’opposto dell’amore. E’ l’aroma di dei, demoni, imperi e civiltà che risorgono e decadono. E’ l’odore di sangue e metallo delle macchine. Fiuti diecimila ristoranti, cinquemila templi, chiese e moschee, un centinaio di bazaar dove si vendono profumi, spezie, incenso, fiori appena colti. Il peggiore buon profumo del mondo.”

Lo scrive Gregory David Roberts in Shantaram, e non poteva essere descritto meglio.

(leggi prima parte)


  • Ondavè, diario scomodo dall’India (VI parte). Le quattro Indie
  • Ondavè (quinta parte). Diario scomodo dall’India.
  • Ondavè (Quarta parte). Diario scomodo dall’India.
  • Ondavè, diario scomodo dall’India (IX parte). Questo è un finale.

  • 3 Commenti al post “Ondavè (seconda parte). Diario scomodo dall’India”

    1. catepol
      gennaio 30th, 2009 17:15
      1

      attendo di leggere le prossime puntate :-) non ho ancora capito che sei andato a fare. Salutoni

    2. Michele
      febbraio 2nd, 2009 02:18
      2

      Sono passato per New Delhi quasi due mesi fa, l’ho girata da solo per due giorni ed è una cittĂ  dura, non mi vengono altri aggettivi. ho visto davvero la disperazione nella povertĂ  di tanta gente. SarĂ  che dopo 3 mesi mi ero abituato alla tranquillitĂ  del Kerala, dove piĂą o meno tutti una ciotola di riso la mattina ce l’hanno tutti e sono contenti così.

    3. Enrico
      febbraio 2nd, 2009 08:37
      3

      Dentro Delhi, sopratutto la cittĂ  vecchia, fin dal primo giorno. Saranno complessivamente 4 giorni, a diverse riprese. Fin dal primo contatto, un lungo attraversamento in taxi della cittĂ , l’impressione è di stordimento.
      Cammineremo per ore il primo giorno fino ad arrivare a sera senza ormai parole, automi davvero consumati dalla sovrapposizione di sensazioni, rumori, voci, deliri, pratiche e movimento, sangue , umori, grida, piscio e sapone, sorrisi e serenitĂ  mischiati a tensione. tra i pochi luoghi di quiete il grande tempio Sik, di sui mi piacerebbe parlare presto. .

    Lascia un commento