home

Leggi gli aggiornamenti in home page

12/12/2008

Fiume di notizie

di Antonio Sofi, alle 12:01

Rischio piena per il Tevere, a causa delle forti piogge dei giorni scorsi. Problema analogo, ma in parte già rientrato, per l’Arno. Due grandi città, una eventualità che è tragica e che è notizia. Provo a vedere da qui come la raccontano le varie risorse online. [Nota bene: post in aggiornamento. Ultimo aggiornamento h. 1.30 del 13/12]

Hard news

La miglior risorsa per la diretta testuale e l’aggiornamento è Repubblica Roma, curata (leggo ora l’agiunta) da Danilo Fastelli.

  • [h. 1.30 del 13/12] E’ una piena Godot, che mai arriva e quasi attesa. Repubblica riporta la dichiarazione del sindaco di Roma: “Possiamo stare tranquilli”. Ci si è giocato forse troppo, con la paura della piena: tra media e politica. Ma ovviamente meglio così (che non sia arrivata ovviamente).
  • [h. 19.56] L’arrivo della piena arriverà intorno all’una di notte e andrà avanti fino alle prime luci dell’alba – è l’annuncio di Alemanno.
  • [h. 14.00] L’arrivo della piena è ora previsto per le 20.00 (prima si diceva mezzogiorno)

Corriere Roma

Ore 20.15. Il link alla “diretta” in hp del Corriere si è trasformato in un link ai “video”. E il player video, dopo aver mandato per pochi secondi l’intervista al consumatore natalizio che niente c’entrava con il Tevere, è diventato un monocolo fisso con fischio lancinante. Che sarà successo?

Ore 19.45: ritorna la diretta “dall’isola Tiberina, Ponte Milvio e Castel Sant’Angelo”. Per visualizzarla, essendo impossibile il deep link, dall’home page. E’ in effetti una “diretta” strana, se posso dire, ad un certo punto (alle 20.03 per essere precisi) è andata in onda all’improvviso una intervista sui regali di Natale, dopo alcuni secondi interrotta.

Ore 17.00: alle 15.30 la diretta è andata off line, e mi dicono non si è più ripresa. Ora che scrivo non è più nemmeno linkata dalla home page. Che non fosse vera diretta, come dicono alcuni che hanno visto “ripartire” il nastro? Problemi tecnici di trasmissione? Buio incombente? Di sicuro giornalisticamente mi sembra di poter dire che una diretta avrebbe ancora senso, visto che la piena è attesa per le 20.00, e che la realizzazione – aldilà dei dubbi che solo riporto e non posso confermare con i miei occhi – era molto efficace e mi sembra apprezzata.

Uno screenshot della diretta dal Tevere via webcam, Ore 14.30 - Corriere.it

Ore 14.00. Ora c’è (lo scrivevo qualche ora fa nei pensierini più giù come risorsa attivabile) una diretta webcam (è in realtà una vera e propria diretta tv – anche se c’è chi ha annotato delle incongruenze: “a me pare di rivedere un filmato in loop”)

Uno screenshot della diretta di Corriere.it. Ore 15.00 ca, Un barcone viene disincagliato.

Repubblica Roma

Concordo con Massimo Russo. Gran bel lavoro stanno facendo a Repubblica Roma nel “coprire” il rischio esondazione del Tevere a Roma. Ottime davvero le mappe, la diretta e l’apparato crossmediale a supporto.

Mappa del Tevere con zone a rischio (e video) - Repubblica Roma
Mappa del centro di Roma con le zone a rischio. Repubblica Roma

Update: il buon lavoro talvolta diventa un boomerang, a pochi minuti alle 12.00 – primo orario annunciato della piena – il sito è down. Dopo qualche minuto ritorna su, ma evidentemente molto rallentato dagli accessi.

Informazione diffusa

Le informazioni ai tempi dei social network viaggiano anche in maniera orizzontale. Validati dalle relazioni e dalle testimonianze personali.

    Su friendfeed

  • ROMA /6 (inizio 19.45 ca): “Arrivata a casa. Lungotevere completamente bloccato da metà in poi, ma in realtà il casino lo faceva più tutta la mareaaa di gente che guardava giù il tevere.” (link)
  • ROMA /5 (inizio 17.50 ca) “minchia, ma stanno sgombrando le persone nel mio municipio?”(link)
  • ROMA /4 (inizio 17.00 ca) – “Allora: ponte vittorio emanuele funziona, è pieno di curiosi che fotografano, la cosa impressionante è che per strada il 40% delle vetture che circolano sono della polizia/vigili del fuoco/ambulanze, tutti a sirene spiegate…” (link)
  • ROMA /3 – Fiume di notizie, discussione relativa a questo post
  • ROMA /2 (inizio 13.00 ca) – “Bollettino Sott’acqua: Chiudono piazzale flaminio?”; “ponte milvio è completamente coperto dall’acqua, mai visto una cosa simile in vita mia” (link)
  • ROMA (inizio 12.00 ca) – “Tutto regolare. Piazza Bologna è asciutta (si fa per dire). Almeno fino a stamattina.” (link)

    Su Facebook

    Alcuni status trovati (li metto anonimi, il più aggiornato in alto, visto che alcuni profili non sono pubblici, se qualcuno vuole attribuzione scriva nei commenti :)

  • si tiene saldamente alla zattera. (gc)
  • quando c’era Veltroni la grandine si trasformava in pop corn. (ec)
  • ha appena fatto avanti e indietro sui ponti di Roma e vorrebbe dirlo a chi gli ha detto che erano chiusi. (rl)
  • fa le foto al tevere (dal divano di casa così il sindaco è tranquillo). (fs)
  • “benedice il rischio d’esondazione, che ha incredibilmente sgombrato il GRA.” (am)
  • ..già 2 contrattempi x il lungo viaggio sottomarino roma-napoli. (ag)
  • si attrezza per la navigazione. (pa)
  • lo tsunami romano blocca PonteMilvio. (ls)
  • pensa che forse si stia un po’ esagerando… e che sarà mai.. un po’ d’acqua! (ags)
  • sta facendo i tonnetti a traina su Via Colombo.. (ba)
  • infreddolito dopo una mattinata sotto l’acqua. (ct)
  • torna a casa attraversando il ponte prima che scompaia nelle acque. (as)
  • va a vedere il Tevere straripare. (gs)
  • che scena! Centinaia di persone con fotocamere in attesa che il tevere straripi :-S. (dr)
  • è molto preoccupato per i lucchetti di Moccia a Ponte Milvio. Affogheranno? (mbg)
  • esondo ma non mollo. (ba)

Foto Roma su Flickr

Foto del Tevere di Felicia Ciupi su Flickr
Ponte Milvio con stadio Olimpico. Foto di Zef67 su Flickr
Isola Tiberina under water, foto di Grizabel su flickr
Isola Tiberina sotto l\'acqua. Foto di Giorgio Clementi su Flickr
  • Altre foto su flickr con tag: tavere

Video Roma su YouTube

Panoramica da Ponte Milvio. L’autore Fabior71 scrive: “L’altezza del fiume è di 13,20 metri, alle ore 13:30 del 12 dicembre 2008”

Foto Firenze su Flickr

Ponte Vecchio visto da Ponte alla Vittoria. Ieri a Firenze. Foto di Nina Camic su Flickr

Commenti e discussioni

Alberto Mucignat scrive nei commenti dell’utilità dell’informazione che circola:

mi pare che, a parte la webcam […], siano tutti dei tentativi senza un capo ne coda per riuscire a dare informazioni durante un’emergenza. Anche perché il problema vero è che molti romani come noi al momento stanno cercando di capire 2 cose: 1. posso andare a lavorare? 2. che percorso posso/devo fare?

C’è comunque una differenza tra “dare informazioni” e “messa in forma” delle stesse (la cosiddetta copertura giornalistica). Mi sembra ci sia, in questa occorrenza, un problema di chiarezza delle informazioni alla fonte, incrociato con una notevole confusione del rapporto comunicativo tra le mille autorità preposte e i media. La domanda alla fine è proprio questa: se questo tipo di copertura giornalistica online, ben organizzata, sia alla fine dei conti una risorsa e una utilità per il cittadino, coinvolto o non coinvolto negli eventi.

Alberto aggiunge altre interessanti considerazioni nei commenti, ne riporto un pezzo:

La cosa triste è che appunto la protezione civile e le unità di crisi sanno (o dovrebbero sapere) benissimo quali sono le esigenze e i bisogni, senza però riuscire a dare mai un servizio informativo efficace. Per fare un esempio, al momento i siti del comune di roma e della protezione civile non danno per niente informazioni utili, se non dei banali bollettini che non aiutano a capire esattamente cosa succede attorno a noi e se possiamo muoverci, quali sono i percorsi più affidabili, queli sono i mezzi che al momento funzionano meglio, etc. E non esiste un sito che dia lo stato del traffico “right now” in maniera puntuale ed efficace. almeno, io non l’ho trovato.

Pensierini (più o meno) finali

  • IN TEMPO REALE. Ad aprire il sito in mattinata ho sentito l’esigenza di lettore, cercavo e mi aspettavo una risorsa più live: tipo una diretta che mi facesse vedere in tempo reale, e con i miei occhi, quello che stava succedendo – il livello del Tevere nei punti critici. Non necessariamente con regia, non necessariamente “professionale”, non necessariamente televisiva: anche una webcam ben direzionata. E’ un bisogno giornalisticamente sensato e tecnicamente soddisfacibile, con un po’ di ingegno. L’unica diretta della giornata è stata quella messa in piedi da Corriere.it – ma saltellante e spesso down, e con qualche dubbio circa il fatto fosse davvero in tempo reale. Una occasione persa, a mio parere.
  • UN FORMAT EMERGENTE. Forse il passo successivo (ma è questione più generale dell’architettura delle informazioni, e non solo di questo caso) è pensare prima, e abitare giornalisticamente poi, un format che sia pienamente e consapevolmente a “dossier”. Un format “emergente”, buono per occasioni di emergenza diffusa e che sappia far “emergere” – appunto e giocando sui doppi sensi di questa parola – i contenuti molteplici e differenziati che provengono da più fonti e soggetti. Un formato che abbia la forza di accogliere rapidissimi aggiornamenti, incasellandoli nello slot giornalistico giusto, riconoscibile ed soddisfacente. Sia per il lettore che vuole la storia, e la notizia, e il contesto, sia per il lettore che vuole informazioni più stringenti e precise, e farsi una idea sensata per prendere decisioni operative (“quando uscire di casa”, “che strada prendere”, ecc.). Un format emergente che sia risorsa one-click dove trovare tutto e ben organizzato.

  • Carenature
  • Una rondine per ogni bossolo
  • Vukovar, la città che guarda il fiume
  • Bertolucci, dreamer

  • 6 Commenti al post “Fiume di notizie”

    1. Alberto Mucignat
      dicembre 12th, 2008 14:35
      1

      mi pare che, a parte la webcam che però al momento da pagina inesistente, siano tutti dei tentativi senza un capo ne coda per riuscire a dare informazioni durante un’emergenza.

      anche perchè il problema vero è che molti romani come noi al momento stanno cercando di capire 2 cose:
      – posso andare a lavorare?
      – che percorso posso/devo fare?

      facile dire “restate a casa” o “usate i mezzi pubblici” (quest’ultimi, in giorni come questi, sono come un terno al lotto…)

    2. Smeerch
      dicembre 12th, 2008 14:45
      2

      Urka! Scrivendo quella frase su FriendFeed non pensavo minimamente di espletare un servizio al cittadino (romano).
      Comunque il mio voleva essere un commento un tantinello ironico. Qualsiasi romano sa che, essendo Piazza Bologna molto lontana dai vari lungotevere, non ha il benché minimo problema in caso di esondazione del fiume.
      Ottimo post, comunque, Prof.!

    3. Alberto Mucignat
      dicembre 12th, 2008 15:57
      3

      antonio, ti rispondo qui perchè non posso editare il post :-)

      le informazioni vanno ben organizzate, concordo. d’altronde è da tempo che lo diciamo alle aziende e ai media (intendo quelli come me che si occupano di architettura dell’informazione e di user experience in generale).

      il fatto è che per essere ben organizzate, si deve prima capire quali sono i bisogni e gli obiettivi degli utenti in momenti come questi.

      è questo che facciamo, di solito, nell’organizzare l’architettura informativa di un sito, ed è questo che andrebbe fatto anche pensando a dei “dossier”.

      ma i giornali danno “notizie”, mentre a noi cittadini servono “informazioni”.

      la cosa triste è che appunto la protezione civile e le unità di crisi sanno (o dovrebbero sapere) benissimo quali sono le esigenze e i bisogni, senza però riuscire a dare mai un servizio informativo efficace.

      per fare un esempio, al momento i siti del comune di roma e della protezione civile non danno per niente informazioni utili, se non dei banali bollettini che non aiutano a capire esattamente cosa succede attorno a noi e se possiamo muoverci, quali sono i percorsi più affidabili, queli sono i mezzi che al momento funzionano meglio, etc.

      e non esiste un sito che dia lo stato del traffico “right now” in maniera puntuale ed efficace. almeno, io non l’ho trovato.

    4. Dario Salvelli
      dicembre 12th, 2008 16:29
      4

      E’ che secondo me la mentalità per ora è troppo vecchia per fare questo tipo di discorsi: si pensa più al sensazionalismo che ad altro, ad informare sulle cose utili e concrete come dice Alberto. Anche la cosa della webcam è “so 1.0”: mandarci un giornalista con una connessione mobile e fare live con mogulus e ustream sarebbe già un passetto in avanti. Se poi questo si mettesse a fare live blogging con i link utili ancora meglio. :)

    5. Regolo
      dicembre 12th, 2008 21:53
      5

      Giusto per inciso… complimenti per l’attività di reporting, dettagliata e molto utile.

    6. Multimedialità dei giornali online - Alberto Mucignat
      gennaio 17th, 2009 17:16
      6

      […] qualcosa del genere se ne parlava anche da Webgol a proposito della piena del Tevere e in generale per le emergenze di questo […]

    Lascia un commento