home

Leggi gli aggiornamenti in home page

02/10/2008

La crisi, l’economia nelle persone e l’innovazione nelle relazioni

di Antonio Sofi, alle 17:00

L’ospite della puntata di oggi, la terza puntata del nuovo format di Quinta di Copertina, è Alberto Cottica.

Alberto Cottica a Vancouver

L’idea di una chiacchierata con Alberto, fondatore dei Modena City Ramblers (da cui è uscito) ed economista attento ai temi dallo sviluppo che nasce dalla creatività, mi è nata – oltre che ovviamente dalla crisi finanziaria di questi turbolenti giorni – dalla foto qui sopra, presa dal suo blog, in cui scrive dal bel mezzo di un tour nord americano – insieme al Coro delle Mondine di Novi e ai Fiamma Fumana.

Il titolo del post era “Un economista in tour al tempo della crisi”, ma poi – nonostante le attese in parte ormai eterodirette di concioni incomprensibili di alta ingegneria finanziaria – Alberto scriveva del comportamento della gente e delle chiacchiere con le mondine come possibile soluzione al panico indiscriminato.

Ecco che allora mi è venuto voglia di capirne di più, partire dal suo punto di vista sulla crisi in atto per arrivare anche ad Internet, alle culture di Rete o a progetti molto affascinanti e “net-based” di “messa in relazione” di competenze e idee per lo sviluppo come Kublai.

Merito suo ovviamente, ma il risultato mi sembra davvero worth listening :)

Su Apogeonline, come sempre, il post completo di indicazioni anche bibliografiche. Qui sotto il file mp3 (c’è anche un comodo feed e un canale itunes per sotoscrivere il podcast)

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.


  • La fotografia digitale e il continuum creativo
  • L’economia spiegata a voi, idioti
  • La crisi della tv? Sono tutti andati al mare.
  • La condizione urbana

  • 3 Commenti al post “La crisi, l’economia nelle persone e l’innovazione nelle relazioni”

    1. Alex Filippi
      ottobre 5th, 2008 10:38
      1

      Personalmente penso che internet è una super democrazia ed ogni crisi come quella finaziaria
      in realtà lo rendi ancora più super.Che sia internet un produttore di crisi democratiche?

    2. Marco
      ottobre 9th, 2008 07:39
      2

      oltre alle mondine potremmo andare a ricercare e riscoprire le cantilene delle vecchie bifolche della Valdera…sarebbe utilissimo! Mi ricorda Haber in “Speriamo che sia femmina”.
      Cosa significa che Internet e’ una super democrazia? Che cosa e’ una super democrazia? Questa e’ una crisi democratica?
      Mondine, giri in america, Internet, vecchie, zanzare e acqua sudicia, risaie, pozzanghere democratiche…non capisco.

    3. paolo manzelli
      dicembre 7th, 2008 18:10
      3

      REATIVE CLASS-NET PROJECT per lo Sviluppo della Economia della Conoscenza. Ricerca di Partners
      http://www.edscuola.it/archivio/lre/creative_class.pdf

      La discussione sulla nuova economia delle conoscenza, diventa sempre più significativamente focalizzata sul cambiamento mentale necessario a generare una classe dirigente, capace di modificare la struttura delle economia dell’ era della informazione, nella quale in valore aggiunto alla produzione di beni materiali, in epoca consumistica, e’ stato diretto da il sistema reclamistico,mutandola in quelle futura delle economia della conoscenza, nella quale la necessita di ridurre i costi e di riconvertire le risorse nel rispetto dell’ ambiente si fonda su un sistema di “networking digitale di impresa e ricerca”.http://www.wbabin.net/science/manzelli50.pdf

      La scelta digitale e’ infatti altamente strategica sia perche’ puo abbattere i costi di ogni impresa pubblica e privata “paper-less”, migliorando la catalogazione e la memorizzazione dei documenti , inoltre consente di migliorare le relazioni di comunicazione nei network di impresa tra ricerca e produzione sulla base del trasferimento di tecnologie abilitanti la” inn-ovazione”, ed infine perche’ pemette la riqualificazione ed aggiornamento a distanza di dirigenti , consulenti ed “opinion makers”ecc.., con metodi di job-learning finalizzati a modificare gli orientamenti sociali ed economici disastrosi che hanno generato la crisi di sistema della contemporanea societa’ della “dis-informazione”, orientata dai mass media della carta stampata e della TV commerciale.

      Il crollo di fiducia del modello speculativo, che ha reso auto-evidente l’ impotenza di una economia finanziaria finalizzata esclusivamente al lucro che sta generando il crack della globalizzazione gestita da flussi di capitali azionari derivati e da una dirigenza economica e politica avida e spregiudicata , richide oggi un serio e cosciente impegno intellettuale, teso a generare una rapida metamorfosi della obsolescente societa industriale, in societa della conoscenza, mediata dal cambiamento del management socio-economico della nuova “CREATIVE-CLASS-NET”.

      Il progetto CREATIVE CLASS-NET , verra proposto in occasione della Riunione del Lancio del PON-2008-13 , dal Ministero della Universita e Ricerca il 17/DIC a Roma ore 14.30 -c/o Spazio Novecento , P.zza. Guglielmo Marconi 26-B Roma -Eur.Segreteria Organizzativa -Evento PON- Tel:+39 06.80259164-Fax:+39 06.80259149

      Ricordo che il 2009 sarà l’Anno Europeo della Creatività e dell’Innovazione, per il quale la Commissione Europea promuoverà delle iniziative, anche a bando. La iniziativa vuole stimolare la attenzione alla creazione artistica e all’innovazione culturale come strumenti importanti di comunicazione tra i popoli europei e come prolungamento dell’attuale Anno europeo del dialogo interculturale. L’Anno europeo della creatività e dell’innovazione è un’iniziativa trasversale che include non soltanto l’istruzione e la cultura, ma anche altri settori, come quelli dell’impresa, dei media, della ricerca, delle politiche sociali e regionali, dello sviluppo rurale. Esso prevede campagne d’informazione e di sensibilizzazione, la promozione delle buone pratiche, l’organizzazione di dibattiti, riunioni e conferenze ed il sostegno di un’ampia gamma di progetti a livello regionale, nazionale ed europeo. Vedi : http://register.consilium.europa.eu/pdf/it/08/st07/st07755.it08.pdf

    Lascia un commento