home

Leggi gli aggiornamenti in home page

30/05/2008

Ficcarsi nella fanga (e trasparire su Internet)

di Antonio Sofi, alle 11:44

Sulla Daje Night, questo post di Diego riprende e traccia molte delle cronache degli stoici e impavidi dajisti, che nonostante il caldo infernale e le stupidaggini che nolente venivano fuori, sono rimasti fino a tarda notte (e pare divertiti), in quel della ormai mitica Libreria Flexi in quel di un fosforescente rione Monti, a Roma.

E’ stata una serata speciale, intensa: fluida e sorridente. In cui ponzate scalette non sono state seguite n√© salite. In cui √® emersa una bolla miracolosa, in sospensione tra seriet√† e cazzeggio, tra sindrome da PD moscio e potenzialit√† ad oggi inesplorate – che se ci sono partono da una risata. Magari sotto i baffi, per non farsene (dagli altri, troppo) accorgere. Per continuare a giocare produttivamente in bilico sulle cose, tra le mille tentazioni di mille ami puntuti. Se una foto mi √® rimasta impressa √® proprio questa, di me che rido sotto i baffi; perch√©, ora mi sembra, tutti mi parevano ridere sotto i metaforici, politici baffi. Grazie davvero a tutti da parte mia.

Nicola sul divanetto guarda dubbioso il manifesto della prima Daje Night

Qui le foto della serata (se ne avete fatte altre mette il tag dajenight)

Una serata in cui le cose pi√Ļ divertenti sono stati i tentativi di esser seri, e le cose pi√Ļ serie le amare risate fuoriuscite dalla visione dei quattro video inediti di Tolleranza Zoro.

Quattro video inediti presentati agli amici seduti divanati o appoggiati alla porta del bagno – un gruppo di persone tra cui c’erano in molti che recitavano a memoria le battute dei video pubblicati (come in Rocky Horror Picture Show ma, per fortuna, senza balletto).

C’era il video del giorno del voto, passato al famigerato Loft ad aspettare i risultati: dallo schermo posto all’esterno con X-Factor in onda mentre usciva Walter Veltroni con passo incerto ad una tovaglietta riempita di numeri e calcoli e falcemartelli, dopo la grande taumaturgica abbuffata – nello sforzo di dimostrare che, in realt√†, avevamo vinto. C’era il video di una straordinaria intervista di un montalbanesco Zoro al neo presidente della provincia Nicola Zingaretti (un capolavoro) e il video degli errori con parrucca e spacco con vista su polpaccio da calciatore di Diego nelle vesti di Aborigena e Zorgan. E infine, il documento – drammatico, direbbe Antonio Polito – dell’arrivo di Veltroni e Francesco Rutelli nel quartiere, il primo ad accompagnare il secondo impegnato negli ultimi sforzi prima del ballottaggio con Alemanno. Un documento drammatico perch√© dimostra in controluce – in modo cos√¨ evidente da essere fastidioso – tutti i mali della politica italiana. Di una comunicazione strozzata, che non c’√®. Di un collo di imbuto che √® diventato cos√¨ stretto che passa ormai solo un rivolo di senso compiuto. Di una comunicazione che, quando c’√®, non si apre mai. Non si apre mai in una vera conversazione. In cui il cittadino personalizza tutti i problemi, rendendoli di fatto irrisolvibili e i politici si nascondono dietro una selva di (tranquillizzanti) telecamere televisive e parole vuote – e poi scappa.

Ficcarsi nella fanga, dunque. E’ una questione di metodo, prima che di contenuti o di linea (“le canne, ce le possiamo fare o no?” scherzava Diego con i dajisti convenuti). Ficcarsi nella fanga quindi – che a radicarsi nel territorio lasciamo i leghisti.

E, aggiungo io, poi lavare i calzini sporchi su Internet, davanti a tutti – che qui si pu√≤ fare, costa poco e non ci sono telecamere di mezzo: senza niente che non sia trasparente fino all’ultimo atomo.


  • Simposio e fanga dajista
  • Zoro Tse Tung, inviato ombra a Pechino
  • A che punto son le leggi di Internet
  • Codice Internet a Milano, si parla di Internet e politica

  • 10 Commenti al post “Ficcarsi nella fanga (e trasparire su Internet)”

    1. Dema FON blog
      maggio 30th, 2008 10:54
      1

      Ficcarsi nella fanga (e trasparire su Internet)

    2. Ludik - il weblog di luca di ciaccio
      maggio 30th, 2008 18:52
      2

      notte del “daje”

    3. Portmeirion
      giugno 16th, 2008 09:02
      3

      piddini cominciassimo a chiederci che razza di comunicazione abbiamo, anche su cose pi√ɬĻ serie. I tempi delle nostre leggendarie agit-prop che fine hanno fatto? La stanza del caminetto ha le pareti cos√ɬ¨ spesse? Lo proporr√ɬ≤ come tema per la prossimadaje night. Per quanto riguarda le strisce blu, forse √ɬ® il caso di fare un po’ di storia. I parcheggi stradali a pagamento sono stati introdotti da Rutelli, cominciando da via Appia Nuova. Perch√ɬ© da l√ɬ¨? Perch√ɬ© via Appia Nuova √ɬ® una strada da shopping ma non

    4. Nespola
      maggio 30th, 2008 12:09
      4

      La sindrome da Pd moscio verrà curata, me lo sento. Daje Antò, daje!

    5. mattiaq
      maggio 30th, 2008 13:26
      5

      Ok, ficcarsi nella fanga √® il metodo, ma la finalit√† qual’√®? Essere coscienza critica? Essere propositivi nei confronti del PD? Divertirsi in compagnia? Tutte e tre le cose? Insomma, non c’ero e forse per questo non capisco, ma cosa stiamo facendo?

    6. Flexi » Blog Archive » Zoro / Daje Night: report dalla rete
      maggio 30th, 2008 14:33
      6

      […] zoro | nicolamattina | quadernino | gemella | chamito | webgol […]

    7. vic
      maggio 30th, 2008 15:00
      7

      Un paio di riflessioni a margine:
      la foto di te che ridi sotto i baffi era totalmente sottoesposta, sbagliata, l’ho recuperata a stento mediante esoteriche alchimie fotoscioppiche; per√≤ a ripensarci, √® perfettamente in linea con l’odierna estetica dello shadowismo.
      Un’estetica che fa ombra all’ormai datato sfocatismo, liscio o azzurrato che sia. Sempre che non li ibridiamo.

      Poi c’era un’altra ibridazione da fare: i conti delle percentuali sulla tovaglietta, e la teoria della coda lunga. Noi perdiamo perch√© ci concentriamo sui giorni delle elezioni, il momento del “lancio” del prodotto. Ma se sommi un 10% oggi, un 3% domani e cos√¨ via, nel corso degli anni si pu√≤ arrivare a percentuali bulgare. Chris Anderson, mica cazzate.

    8. politicaduepuntozero
      maggio 31st, 2008 15:08
      8

      Ma porc!!! Mercoled√¨ ero in giro proprio al rione Monti e non sapevo nulla dell’appuntamento!!!

    9. SirDrake » Voi personaggi austeri
      giugno 3rd, 2008 09:52
      9

      […] mercato di via Orvieto a Roma (lo ha documentato Diego in un video presentato in anteprima nella Daje Night). Invece niente. Arrivano gli sberleffi, al massimo una pacca sulla spalla ("Zoro – alias […]

    10. Scambiamoci un segno di daje | Ludik – di Luca Di Ciaccio
      luglio 25th, 2011 00:41
      10

      […] sera ho partecipato all’affollata e accaldata notte del “daje” organizzata dal blogger Zoro, ormai punto di riferimento (dopo i suoi fantastici video) per una […]

    Lascia un commento