home

Leggi gli aggiornamenti in home page

26/03/2008

Non salire sui carri (potrebbero essere allegorici)

di Antonio Sofi, alle 01:21

Luca mi fa notare che lo “scarto tecnologico” di cui scrivevo in questo pezzo a proposito dell’effetto “bandwagon” nella pubblicit├á dei sondaggi politici esiste poco; il termine ├Ę da riferirsi non gi├á a vagoni su rotaia ma a carri comunque preferroviari. Ha ragione. Bastava d’altronde leggere il lemma apposito su Wikipedia per accorgersene, ma io son stato sempre convinto del contrario e tant’├Ę. Pi├╣ specificamente il termine si riferisce al carro che porta la banda in giro per le feste di paese – o per parate, circhi e altre facezie d’intrattenimento quale appunto e da sempre ├Ę una campagna elettorale.

Riporto la storia delle origini della frase anche qui per i pi├╣ pigri:

The phrase ‘jump on the bandwagon’ was first used in American politics in 1848 as a result of Dan Rice, President Lincoln’s court jester. Campaigning for Zachary Taylor, Dan Rice, a professional circus clown, used his bandwagon for Taylor’s appearances, gaining attention by way of the music. As Taylor’s campaign became more successful, more politicians strove for a seat on the bandwagon, hoping to be associated with the success. Later, during the time of William Jennings Bryan’s 1900 presidential campaign, bandwagons had become a standard fixture of campaigns, and ‘jump on the bandwagon’ was used as a derogatory term, implying that people were associating themselves with the success without considering what they associated themselves with.

A dirla tutta, mi sembra fatto denso di inesplicabili significati politici la notazione storica di cui sopra, che racconta come il primo bandwagon del vincitore (ho fatto una crasi: ed ho come l’impressione che la locuzione “salire sul carro del vincitore” – con quella nuance di pubblica e esibita vittoria assente nel vagone della banda – abbia in Italia una origine differente) sia stato fortunata invenzione comunicativa di un clown professionista.


  • Genetliaco babbione: cinque anni di Webgol.it
  • L’Italia sottosopra. Ci├▓ che era, fino all’ora (dell’aperitivo).
  • Parole chiave III. Philippe Descola e la natura.
  • Pochi, maledetti e subito

  • 2 Commenti al post “Non salire sui carri (potrebbero essere allegorici)”

    1. Il blog di naima
      marzo 27th, 2008 23:03
      1

      a scrivere due righe su un’altra cosa, non sulle regole logiche. Volevo scrivere, alla faccia dell’effetto Bandwagon (quel fenomeno per cui dire …e quindi a maggior ragione ripetere … che un partito sta vincendo, fa in modo che gli indecisi saltinosul carro dell’apparente vincitoree decidano a votare per il partito in testa. In Italia sembra decisamente inapplicabile l’effetto underdog), che il sondaggio di SWG per la Campania, che ho potuto leggere qui e i cui dati sono consultabili q

    2. tostoini
      marzo 26th, 2008 09:37
      2

      tanto per rimanere nell’ambito metaforico, sarebbe tanto bello ricordarsi che sul carro del vincitore quello che gli teneva l’alloro sulla testa gli sussurrava anche all’orecchio ‘memento mori’, casomai tutti quegli onori gli avessero dato alla testa e si fosse dimenticato di essere umano come tutti, e altrettanto transitorio.

    3. Blog Notes - Blog Aggregator 4.0
      marzo 26th, 2008 11:10
      3

      […] del Museo del Design AtmoSPHERE Micalita Home Page Digital Minds Neoumanisti Antonio Sofi Non salire sui carri (potrebbero essere allegorici) Luca De Biase Eppure il Wall Street Journal… Luca De Biase Nessuno e’ perfetto Federico Fasce Im […]

    Lascia un commento