home

Leggi gli aggiornamenti in home page

22/01/2008

Mastella, l’anomalia italiana e Porta a Porta.

di Antonio Sofi, alle 11:17

Ieri sera, prima di addomentarmi, ho visto qualche scambio di battute a Porta a Porta, tra un offeso Clemente Mastella che lascia il governo e alcuni (poco pungenti) direttori di giornali e opinionisti. Non l’avessi mai fatto! Mastella sorbito di notte è come l’arancia di cui diceva la saggezza popolare: ti si pianta sullo stomaco durante il sonno, difficile a digerirsi.

E tra le tante anomalie di cui scrive Massimo Giannini oggi su Repubblica, mi faccio ridondanza di una. Di questa di uscire dal governo via take d’agenzia, e di spiegarne i motivi in diretta televisiva sulla Tv di Stato (Porta a Porta, appunto) – invece che all’interno delle istituzioni rappresentative.

Solo in Italia il leader di un piccolo partito può annunciare la fine di una maggioranza politica in una conferenza stampa, e poi nel solito salotto di “Porta a porta”. Senza prima spiegare alle Camere le sue motivazioni, e senza rendere conto all’opinione pubblica delle sue decisioni.

Per il resto due note da lettore/cittadino.

Una di tipo tecnico-giornalistica; diverse le scelte di coverage della crisi dei due principali quotidiani on line italiani: Corriere.it e Repubblica.it. La seconda punta sul suo patrimonio multimediale, ma forse troppo sulla sua pagina di diretta – immaginando cioè come lettore/referente principale chi è già super-informato e vuole soprattutto gli ultimissimi aggiornamenti. Il Corriere invece costruisce una classica configurazione a stella della notizia: niente diretta ma 11 link con diversi approfondimenti e risorse – anche per chi magari accende adesso la sua attenzione ed ha bisogno di farsi una idea sensata anche della cronologia della notizia.

[visto che le hp cambiano velocemente, ecco i due screenshot, presi alle 11.20 di oggi: Repubblica.it e Corriere.it.
Update 17.38: ora le home page dei due quotidiani si somigliano molto di più, con numerosi e multimediali approfondimenti. More to come su questo coverage.]

E un’altra in cui faccio prima a rimandare all’editoriale (lo chiamo così ché magari si arrabbia) di Leonardo sul suo blog “Caccia al cinghiale” – soprattutto perché sottolinea la sensazione di deja-vu di Tangentopoli che anche io ho provato (con Mastella che a Porta a Porta replicava alle accuse di mancanza di moralità con l’astuta opzione: “lo fanno tutti”).

È vero: in quell’occhio di animale braccato e non domo, si legge la stessa incredulità che affliggeva la smorfia altera del Craxi caduto. La domanda è la stessa: perché proprio io, per quale motivo dovrei pagare per tutti? Per aver fatto quello che fanno tutti, quello che tutti continueranno a fare? È giustizia questa?


  • Nomina nuda tenemus
  • Tra i due litiganti, il terzo incomodo gode
  • Lo stile di Porta a Porta e i reality show
  • Vo’ dove mi pare

  • 5 Commenti al post “Mastella, l’anomalia italiana e Porta a Porta.”

    1. Blog Notes, Weblog di Giuseppe Granieri
      gennaio 22nd, 2008 11:55
      1

      Antonio SofiMastella, l anomalia italiana e Porta a Porta.

    2. Davide Tarasconi
      gennaio 22nd, 2008 13:36
      2

      La cosa grottesca di tutta questa situazione è il silenzio di Veltroni. Nessuno, ma proprio nessuno che gli rivolga due domandine giuste? Se è questa la leadership dell’Italia che verrà…

      (sono tanto, tanto, tanto felice di lasciare l’Italia per un pò: sarò molto meno felice quando, invitabilmente, qualcuno mi chiederà cosa diavolo sta succedendo nel mio Paese natale…)

    3. .commEurope » Volete capire lo stato della politica italiana? Seguite il Grande Fratello!
      gennaio 22nd, 2008 23:30
      3

      […] ancora più complessa, ma di nuovo alle prese con lo stesso approccio alla cosa pubblica: ha ragione Antonio Sofi, viviamo quotidianamente (in) una gigantesca anomalia che sfonda il muro della politica ed invade […]

    4. distretto 71 » Breve
      gennaio 22nd, 2008 23:49
      4

      […] No comment se non le parole sensate di Antonio. Per il resto: disgustorama, diceva […]

    5. DestraLab » La qualità del dibattito
      gennaio 23rd, 2008 09:11
      5

      […] di andare a Porta a Porta (rivedere o riascoltare la registrazione per chi non l’ha vista) e farsi zittire da un Mastella che dava il “meglio” di sè e che non ha lesinato chiamate di correo […]

    Lascia un commento