home

Leggi gli aggiornamenti in home page

10/12/2007

La vignetta di Mak. Poltiglia sarai te.

di Makkox, alle 12:18

Una realtà sociale che diventa ogni giorno una poltiglia di massa; impastata di pulsioni, emozioni, esperienze e, di conseguenza, particolarmente indifferente a fini e obiettivi di futuro, quindi ripiegata su se stessa. Una realtà sociale che inclina pericolosamente verso una progressiva esperienza del peggio.
Censis – XLI Rapporto sulla situazione sociale del paese

Censis, vignetta di Makkox per webgol.it
Vignetta di Marco Dambrosio


  • La vignetta di Mak. Mabutu e la rivoluzione del meteo.
  • Le vignette di Mak. Alitalia, rivoluzione francese in che senso?
  • Càmbiàti d’anno
  • Non so da dove vengo…

  • 2 Commenti al post “La vignetta di Mak. Poltiglia sarai te.”

    1. Error Occurred While Processing Request
      dicembre 10th, 2007 15:06
      1

      Antonio SofiLa vignetta di Mak. Poltiglia sarai te.

    2. La rivoluzione digitale continua: il 41° rapporto Censis sullo stato sociale italiano « MediaMeter
      dicembre 12th, 2007 20:02
      2

      […] La rivoluzione digitale continua: il 41° rapporto Censis sullo stato sociale italiano Il 7 dicembre il Censis ha presentato il 41° rapporto sullo stato sociale dell’Italia, con le varie sezioni in cui si descrive dettagliatamente la situazione italiana per quanto riguarda la formazione, i mezzi di comunicazione, il lavoro, il welfare, l’innovazione economica ecc. Il rapporto di quest’anno ha fatto molto parlare di sé per i toni molto forti dei comunicati stampa di presentazione delle varie sezioni, in cui si definisce “poltiglia“ l’attuale stato sociale italiano. In generale lo studio conferma una visione positiva per la società italiana grazie solo alle tante minoranze attive dei vari settori della scienza, dell’economia e della società. La stragrande maggioranza della società (la poltiglia di massa), invece, resta indifferente agli obiettivi futuri, impermeabile all’innovazione e concentrata solo su emozioni ed esperienze. […]

    Lascia un commento