home

Leggi gli aggiornamenti in home page

18/04/2007

La scuola 2.0, da Eco a Gubbio

di Antonio Sofi, alle 21:59

Segnalo al volo la trentesima puntata di Web Docet, rassegna stampa e web online ogni settimana su Edupodcast (adoro le cifre tonde). Ne approfitto per ringraziare tutta Garamond (in particolare Agostino Quadrino e Chiara Calzavara) per il coraggio, la competenza e la passione che stanno dedicando ad un prodotto così sperimentale di informazione. Su un tema, quello del rapporto tra scuola e nuove tecnologie, così centrale per una scuola migliore e spesso invece, ahinoi, trattato in modo parziale o apocalittico.

Questa puntata, dal titolo A che serve il professore nell’epoca di Internet, apre con la bella Bustina di Minerva di Umberto Eco, sul numero in edicola de l’Espresso, di cui hanno scritto anche Federico e Giuseppe. La riflessione di Eco parte da una domanda da far tremare le vene ai polsi. La domanda di uno studente riportata da Marco Imarisio in una puntata dell’inchiesta del Corriere della Sera sui “Prof in trincea” (analoga inchiesta a puntate ha appena concluso Repubblica, curata dal bravo Michele Smargiassi), che avevamo segnalato anche sulla puntata di Web Docet del 30 marzo scorso. In pratica uno studente aveva chiesto: “Con Internet, voi professori che ci state a fare?”.

Domanda da far tremare i polsi, dicevamo. Cui Eco prova a dare una (convincente) risposta nella sua Bustina di Minerva, e che, dal nostro piccolo, abbiamo provato a dare anche noi, in 30 puntate di Web Docet. Segnalando, quando non tirati dalla giacchetta dell’attualità che ha parlato spesso solo di bullismo e dintorni, iniziative volte proprio a sperimentare una scuola 2.0 – più mobile, meno gerarchica, modellata sulle logiche conversazionali del web evoluto. Che proprio da internet prende forza e energia – provando ad includere i processi positivi invece di censurare – e buttare così via anche il buono.

E forse inizieremo con questa domanda, venerdì prossimo a Gubbio, dove sono stato invitato da Maria Teresa Bianchi alla quarta edizione del seminario sui blog didattici, dal titolo Tecnologie connettive e didattica multimediale. Il seminario si terrà all’Auditorium Liceo Statale “G. Mazzatinti”, Gubbio (PG) il 20 e il 21 aprile (qui c’è anche il programma in pdf).

Sono davvero molto contento di incontrare un gruppo di docenti e che da anni, nella maggior parte dei casi facendo affidamento solo sulla loro passione, discutono e sperimentano l’uso delle nuove tecnologie a scuola. La “colpa” di questo piacere è sicuramente da attribuirsi a Sergio Maistrello che me ne ha sempre parlato, e che nel suo ultimo libro “La parte abitata della Rete” ha dedicato pagine felicissime proprio al seminario dello scorso anno – raccontando di uno scambio di commenti sul blog tra maestra e alunni rimasti in classe.


  • Siamo tutti veline, firmato U. Eco
  • Nella scuola 2.0 il professore diventa un po’ studente, e lo studente un po’ professore
  • La barba di Eco (Carrère au contraire*)
  • Il cinegioco dei titoli

  • 12 Commenti al post “La scuola 2.0, da Eco a Gubbio”

    1. blog didattici ... AppassionataMente
      aprile 19th, 2007 12:24
      1

      La scuola 2.0, da Eco a Gubbio

    2. Ein-ForTIC
      aprile 20th, 2007 18:29
      2

      TECNOLOGIE CONNETTIVE E DIDATTICA MULTIMEDIALE Si sta tenendo a Gubbio il quarto incontro dei “blogdidattici” a cui purtroppo non potrò essere presente. Antonio Sofi, che sarà presente a Gubbio, pubblica un articolo su cui dovremmo meditare parecchio e che sono sicuro sarà affrontato nel seminario: a che serve il professore nell’epoca di internet? In attesa di risposte, intanto, un in bocca al lupo alla mitica

    3. [ semioblog ]
      aprile 22nd, 2007 21:31
      3

      Se tutti i docenti italiani fossero come quelli che da quattro anni stanno animando il network di Blogdidattici e che ho avuto il piacere di incontrare a Gubbio questo weekend per il convegno sulle tecnologie didattiche, la scuola italiana non avrebbe nulla da temere dal futuro. S’è discusso di scuola 2.0, per fare una sintesi in una parola. Che, al di là della singola tecnica o

    4. YAUB - Yet Another Useless Blog
      aprile 22nd, 2007 08:49
      4

      – Professor AdRiX, mi spiega a cosa serve lei, ora che c’è Internet? – Mazzapicchi, sei il solito… Leggi ancora | Leave a comment | Email this

    5. [•] - RSS/ATOM Feeds Aggregator
      maggio 25th, 2007 17:23
      5

      Se tutti i docenti italiani fossero come quelli che da quattro anni stanno animando il network di Blogdidattici e che ho avuto il piacere di incontrare a Gubbio questo weekend per il convegno sulle tecnologie didattiche, la scuola italiana non avrebbe nulla da temere dal futuro. S’è discusso di scuola 2.0, per fare una sintesi in una parola. Che, al di là della singola tecnica o

    6. Classe 4alc del Liceo G. Mazzatinti
      aprile 19th, 2007 13:27
      6

      Ringraziamo innanzitutto per averci citato…siamo in laboratorio con la prof. e abbiamo letto questo articolo.
      Ne siamo rimasti positivamente colpiti.
      Ci incontreremo domani per poter approfondire gli argomenti del seminario.
      A presto
      gli alunni della 4ALC

    7. Antonio Sofi
      aprile 19th, 2007 13:30
      7

      un commento di una intera classe non m’era mai capitato :)
      sarà un piacere! a domani :)

    8. I primi arrivi ... Seminario 20-21 Aprile 2007 :: Liceo Statale Giuseppe Mazzatinti :: Concordia parvae res crescunt, discordia maxumae dilabuntur - Sallustio
      aprile 19th, 2007 15:00
      8

      […] Intanto, segnalo l’articolo di Antonio Sofi: La scuola 2.0, da Eco a Gubbio. Grazie Antonio! […]

    9. Floria
      aprile 19th, 2007 19:56
      9

      Maria Teresa mi invita sin dalla prima edizione ma il problema è che Gubbio, per me, è davvero un po’troppo lontano, mannaggia. Beh, vai, godi e riferisci a noialtri, poveri diavoli un po’ impediti (menomale che hanno inventato la Rete)

    10. Nella scuola 2.0 il professore diventa un po’ studente, e lo studente un po’ professore
      aprile 22nd, 2007 23:31
      10

      […] Se tutti i docenti italiani fossero come quelli che da quattro anni stanno animando il network di Blogdidattici e che ho avuto il piacere di incontrare a Gubbio questo weekend, la scuola italiana non avrebbe nulla da temere dal futuro. Né dall’incontro/scontro con le nuove tecnologie – che da una parte affascinano e appassionano, dall’altra spaventano, producendo spesso diverse e antipatiche resistenze. […]

    11. Maria Luisa
      aprile 26th, 2007 08:50
      11

      Mi dispiace non essere stata presente a Gubbio; leggerò gli atti su bd e spero di trovarci tutti in una prossima occasione, dove poter parlare anche di “Luisascuola”, che ho dal 15 Marzo 2004.
      Maria Luisa.

    12. La parte abitata della Rete › Sergio Maistrello
      maggio 4th, 2007 16:17
      12

      […] 2007.04.18 Antonio Sofi, Webgol […]

    Lascia un commento