home

Leggi gli aggiornamenti in home page

15/02/2007

Dico la mia sui Dico (nei commenti)

di Antonio Sofi, alle 21:10

Una segnalazione da Libero Blog che è stato il primo tra gli attori dell’infosfera allargata (altri ne son seguiti o c’hanno provato) che s’è messo di buzzo buono a scovare, selezionare e riaggregare i post della blogosfera più o meno profonda. Il risultato, seppur nel frame popolare del portale, è tutt’altro che disprezzabile. Peraltro (son ricordi da vecchio blogger) l’operazione non fu certo indolore. I primi passi di Libero Blog furono burrascosi: in molti criticarono il riutilizzo da parte del portale dei contenuti pubblicati con licenze Creative Commons. Dall’accesa discussione ne scaturì la formula di un manifesto più rispettoso dei contenuti altrui, che ha di fatto attivato un meccanismo win-win, con tutti (più o meno) contenti: l’uno (Libero Blog) ha contenuti freschi e frizzanti, gli altri (i blogger) hanno accessi e visibilità.

Casini sui Dico
Pier Ferdinando CasiniProprio un post riaggregato il 13 febbraio su Libero Blog ha provocato un piccolo caso – per quel che ricordo senza precedenti nella pur rada storia dei rapporti tra politica e web. Protagonista Pier Ferdinando Casini, ex presidente della Camera.

Il post riaggregato, di Terzoocchio era sui Dico (c’è bisogno di dire cosa sono?), e criticava il ferreo impegno contro la proposta di alcuni esponenti politici che quanto a sacralità del matrimonio cattolico non avrebbero avuto tanto da predicare (analoga posizione quella di Alessandro Gilioli). Ovviamente il bailamme vero si scatena nei commenti, più di 500 in poche ore – spiega Giorgia Camandona della redazione di Libero. Così la stessa Giorgia (blogger dei primordi anche lei) spiega quello che è poi accaduto:

Si puntava il dito su molti, ma su Pierferdinando Casini soprattutto. In fondo in questo periodo si parla di lui più che di chiunque altro nel centrodestra. Tra i lettori di Libero.it si è scatenato il dibattito e in poche ore i commenti sono saliti a 500 (e tuttora crescono). Lui ha letto gli interventi, qualcuno a favore («Penso che il Presidente Casini sia abbastanza coerente e sincero. Ha detto: “Non ho preso doveri non devo avere diritti”. Correttissimo»), qualcuno contro («Con che coraggio questi paladini della famiglia si permettono di legiferare e parlare a nome di tutti quando loro stessi sono fuori dalle regole?») e ha deciso che era ora di dire la sua, di interagire con i navigatori e di utilizzare i loro stessi mezzi.

Insomma dalle 15 alle 16 odierne l’ex presidente della Camera s’è messo a forumizzare i commenti del post di TerzoOcchio riaggregato da Libero Blog. Se me l’avessero detto anche solo un anno fa non ci avrei creduto. Ovviamente la cosa è stata già ripresa dalle agenzie – il YouTube di Di Pietro è insomma già roba vecchia.

Il ritmo e lo stile dei commenti di Casini ̬ da esperto Рpossibile faccia come Di Pietro, che ha recentemente rivelato di chattare e commentare anonimamente. Alcuni contro-commenti sono delle perle.

Non è colpa mia

Pierferdinando Casini – 15.44
Ad “Alessia” Gli omosessuali non sono cittadini di Serie B. Ci mancherebbe!!! Non è colpa mia, però, se il matrimonio naturale è tra un uomo ed una donna.

Essendo bolognesi

Pierferdinando Casini – 15.59
A “Silvia P.” Le crisi coniugali sono a Destra come a Sinistra e potrei farle una serie di esempio. Se poi mi vole dire che Prodi è felicemente sposato non ho difficoltà a riconoscere che Romano e Flavia, che conosco da svariati anni, essendo Bolognesi, sono una coppia esemplare

Casini conclude così, è chiaro che alla fine c’ha preso gusto:

Compresi

Pierferdinando Casini – 16.14
ragazzi spero che vi abbia fatto piacere la m ia presenza qui ma adesso in parlamento si sta votando e devo andare a fare il mio dovere. Ci ho preso gusto e quasi quasi, se siete d’accordo, potremmo rivederci Sabato mattina alle 12 (se Libero ci ospita). Un abbracio a tutti i blogger, conviventi e omossessuali compresi :-)

Refusi e faccina compresi. Stupendo.

Link: I commenti di Casini su Libero Blog


  • Io, per voi
  • NetTv. Parla come magni, ops: mangi.
  • Come Ponzio Pilato
  • Sui commenti ai post narrativi

  • 14 Commenti al post “Dico la mia sui Dico (nei commenti)”

    1. Fratelli d'Italia
      febbraio 16th, 2007 13:23
      1

      Pierferdinando Casini commenta su Libero Blog

    2. 'Ntrastule - Libero Community - Blog
      febbraio 17th, 2007 17:35
      2

      il Thursday, 15 February 2007 @ 21:10. Il post è archiviato nella categoria Blog, Giornalismi, Politica. Puoi seguire la discussione nei commenti sottoscrivendo il feed rss qui di fianco RSS 2.0. Puoi lasciare un commento, o un trackback dal tuo blog. Post correlati (o con una qualche imprescrutabile attinenza) Come Ponzio PilatoIl fotogramma di ProdiDue al prezzo di unoNun gliel’ha fatta 8 Commenti al post “Dico la mia sui Dico (nei commenti)”

    3. Il Blog di Pennarossa
      febbraio 17th, 2007 00:33
      3

      quello di YouTube e altri strumenti in rete per “comunicare, collaborare, organizzare l’attività dei circoli sul territorio”. Altro esempio: giusto ieri Pierferdinando Casini ha dedicato un’ora del suo tempo a chattare con i commentatori di LiberoBlog, non invitato da una redazione bensì attirato da un post di un blogger. Sapete cosa è successo? E’ successo che Casini ha dialogato con tutti, soprattutto con chi non era d’accordo con lui, e l’esperimento

    4. Sid
      febbraio 15th, 2007 21:51
      4

      Vedi vedi, piano piano, alla “chetichella” arrivano tutti…

      ottima segnalazione ;)

    5. Stefano Vitta
      febbraio 15th, 2007 21:52
      5

      Direi wow se non fosse pubblicità occulta per Vista ;)

    6. Dico Casini
      febbraio 15th, 2007 22:38
      6

      […] Pierferdinando Casini si lascia prendere dai commenti su un post riaggregato da  Libero tanto da chiedere un nuovo appuntamento per Sabato mattina alle 12.00. Un semplice commento: mi fa molto piacere. […]

    7. PlacidaSignora
      febbraio 16th, 2007 00:51
      7

      Ora capisco da dove arrivano le varie visite sui blog dal ConsigliodeiMinisti.it e zone limitrofe…;-D
      Bé, tanto di cappello al Pierferdinando.

    8. Pietro
      febbraio 16th, 2007 12:37
      8

      in effetti ci vogliono questi segnali positivi per svoltare un po’ la giornata… :-P

    9. Noantri
      febbraio 16th, 2007 13:44
      9

      Antonio, non ti sarà sfuggito un elemento interessante, volendo tornare a parlare di BLOG e della grande cassa di risonanza che questi possono pretendere di essere.

      Mi riferisco al fatto che il post originale, poi commentato dall’onorevole Casini, è un post assolutamente elementare, privo di qualsiasi approfondimento o spunto di interesse. Non sto offendendo: è un post scritto così, come tanti ne scriviamo, un appunto a un fatto successo, niente di più che una piccola segnalazione con l’aggiunta di una lieve posizione personale e una riflessione. Nulla di trascendentale, nel blog originale ha scatenato una decina di commenti nonostante la grande eco; un post destinato alla dimenticanza immediata.

      Ecco che tanto NULLA è salito alla ribalta totale. Cos’è dunque che FA il blog? La qualità? O semplicemente l’essere al posto giusto nel momento giusto? Ancora una volta mi pare che sia il rumore intorno a un post, più che il post stesso, la discriminante del successo. Ed è uno dei motivi per cui i blog non possono, al momento, assurgere a nessun posto di rilievo all’interno dell’informazione.
      [Ste]

    10. bianca
      febbraio 16th, 2007 16:55
      10

      sì, però, IL bailamme, ecchecavolo.

      i redattori di LiberoBlog sono bravissimi a fare il loro lavoro. sono totalmente esenti dalle tristi e nello stesso tempo risibili pregiudiziali cricche-conversazionali. scandagliano onestamente TUTTA la blogosfera alla ricerca dei contenuti che vanno bene per il loro (ragguardevole quantitativamente) pubblico. pace e amen.

    11. Antonio Sofi
      febbraio 16th, 2007 17:31
      11

      Noantri, sì certo, ma non sarei così bicchiere-mezzo-vuoto. Il post era uno starter di discussione (perché solo “rumore”?) e basta.

      Bianca: correggo subito, touchè :)

      Anche io penso che Libero Blog lavori molto bene, ha un raffinatissimo blog-scandaglio della blogosfera – mi piacerebbe sapere che metodo usano :)

    12. SKA
      febbraio 17th, 2007 17:55
      12

      Innanzitutto ringrazio Antonio per l’aver segnalato la cosa, dopodichè vorrei rispondere a Noantri.

      Hai ragione, è stato un post scritto come qualsiasi altro. Con anche molta meno accuratezza di quanta ne ho messa in altri, spulciando nel dettaglio leggi e decreti.
      Mi sento di obiettare la frase “privo di qualsiasi approfondimento o spunto di interesse”. Se non vi fosse stato alcuno spunto d’interesse non ci sarebbero stati più di 2000 commenti e l’intervento diretto di Casini.

      E’ vero che non è merito mio, mi sono trovato in mezzo ad un “evento mediatico” che sino ad oggi non ha avuto precedenti, per questo ha creato molto movimento.

      L’unico merito è quello di essere arrivato al momento giusto, ma anche di aver riportato alla ribalta un argomento (il Fondo di Solidarietà) che gli organi d’informazione hanno volutamente dimenticato.

      Se i Blog possono servire a dare anche solo l’input per una discussione più ampia e per approfondimenti successivi, ben vengano dunque.
      Anche perchè, altrimenti, non ne terresti uno tuo. E non parleresti di politica ed informazione.

      Un saluto

    13. Tommaso Dell'Era
      maggio 13th, 2007 10:17
      13

      Bella mossa Antonio,

      ma il problema di Casini non è tanto la sua vita privata, quanto piuttosto la nostra: facendo una battaglia moralista sulla famiglia tradizionale (non sulla famiglia in genere), si impiccia di fatti che non lo riguardano (ovviamente a fini elettorali) e soprattutto è veramente poco credibile, come molti nostri politici in svariati campi. Sulla (in)credibilità non solo sua ti lascio una mia riflessione

      Ma io dico:

      da alcuni secoli esiste una forma alternativa alla famiglia, caratterizzata dalla convivenza duratura e certificata (!) di persone dello stesso sesso fra loro (uomini con uomini! Donne con donne!), accettata dalla chiesa, riconosciuta da tutti gli stati (scandalo!) e che non ha minacciato né messo in crisi la cosiddetta famiglia tradizionale, nonostante queste persone non procreino (chiusi alla vita!) e siano assistite in buona parte dalle nostre tasse o da quelle dei fedeli (diritto alla non procreazione convivente riconosciuto e pagato!): il celibato dei preti e delle suore, dei frati e delle monache e di molti cristiani e cristiane laiche! E ora come la mettiamo? Qualcuno dovrà pur mettersi d’accordo con se stesso…

    14. Antonio Sofi
      maggio 15th, 2007 21:51
      14

      eheheh, tommaso, non hai tutti i torti :)

    Lascia un commento