home

Leggi gli aggiornamenti in home page

28/07/2006

Wonka test, la dissonanza pubblicitaria e i biscotti nell’armadio

di Antonio Sofi, alle 18:22

[foto di Kekule]
Gocciole
Il WonkaTest (che deve il suo nome al personaggio creato da Rohald Dahl, e trasposto in film da Tim Burton) è un test di dissonanza pubblicitaria inventato da Luca aka Kekule, di Pastaaltonno.

In fondo è solo un pretesto per una prosa acuta e divertita. Su piccole grandi illusioni che governano il modo con cui compriamo le cose. E il modo con cui le cose ci vengono vendute. La domanda cui risponde è banale: che differenza di immagine c’è tra prodotto reale ed immagine di advertising? Lasciando perdere la qualità del prodotto, in questo caso davvero chi se ne frega.

L’ultimo episodio (dai cui link a fondo pagina si può accedere ai cinque test precedenti) si occupa di una merendina della Kinder, che in fondo ne esce abbastanza bene (il sistema di votazione è spiegato nel primo test eseguito).

Lo sguardo Рmi scrive Luca/Kekule Р̬ quello di un bambino.

“Un bambino, quando compra un alimento non vuole dar retta a giustificazioni sui materiali, sulla serialità di produzione o quant’altro. Il bambino compra quelle forme presunte, quella ipotetica quantità, quegli sbandierati ingredienti. Pretende (e giustamente diremmo!) né più né meno l’alimento che sta lì, sulla confezione, raffigurato nel suo momento migliore”.

Mi potrei avventurare in riflessioni su un fantomatico possibile “ad-watching” che solo i blog potrebero avere la credibilità per fare (e molti blog che si occupano di marketing e pubblicità, in realtà già lo fanno e piuttosto bene) – altro che media-watching.
La verità è che l’ho segnalato perchè è davvero divertente. E ben scritto.

A dirla proprio tutta (ognuno ha i suoi biscotti nell’armadio), a me ha molto colpito il test riservato a dei biscotti che spesso mi capita di comprare. Solo ora mi sono accorto che quando mangio e distrattamente guardo la figura sulla scatola (le scatole dei biscotti sono le cose più lette al mondo, secondi solo alle etichette dei detersivi in bagno), provo un sottile senso di dissonante disagio. Dove sono quelle gocciolone di cioccolato lussereggianti? Mancano.

Chissà non sia venuto il momento per una pubblicità in questo diversa.
In cui sul pacco ci sia una immagine più consonante di quello che c’è dentro.
Elimini la dissonanza e quindi mangi, con un sospiro di sollievo.


  • Come Ponzio Pilato
  • La sindrome della domenica mattina e il juke-blog
  • Un governo in form. Web test su strada (anzi in tv)
  • Compleanno biodiverso

  • 6 Commenti al post “Wonka test, la dissonanza pubblicitaria e i biscotti nell’armadio”

    1. Chicca
      luglio 29th, 2006 01:51
      1

      Ciao ho letto il tuo indirizzo sul blog di Zoro.
      Per una golosa come me questo è il post ideale e poi giorni fa ho scritto sul mio blog un intervento sull’alimentazione in occasione del concorso Miss Cicciona 2006:)
      Sono andata a leggere il wonka test:che grandi verità!
      In effetti la dura realtà dolciaria ha infranto i miei sogni da bambina quando speravo che dai bomboloni uscisse una valanga di cioccolato,o che il gelato Carte d’or fosse davvero così soffice e cremoso…per me l’unico prodotto fedele e sublime resta la nutella,di sicuro non organizzerò mai un nutella party con uno sfilatino ad un mio amico col gesso..ma quant’è buona!!

      In ogni modo ora che sono cresciuta, di questi problemi non me ne pongo perché non compro più merendine ed affini visto che i dolci me li preparo da sola:oltre a risparmiare ho la certezza di mangiare anche più sano,il che non è poco! Vuoi mettere un saccottino con un bel tortino artigianale fatto in casa caldo caldo con un ripieno cremoso di cioccolato ???

      Ciao Chicca

    2. diletta
      luglio 29th, 2006 15:04
      2

      Per il mio ottavo compleanno mia madre i ha davvero fatto lo sfilatino con la nutella…ma non avevo il gesso ;)

    3. PlacidaSignora
      luglio 30th, 2006 21:02
      3

      Sempre detto che Luca è in gamba! :-**

    4. Antonio Sofi
      agosto 7th, 2006 11:06
      4

      preparaseli da soli, i dolci, già, una appetibile soluzione :)

    5. Trashfood
      agosto 21st, 2006 14:30
      5

      Testati da Wonka…

      Quante volte è capitato di notare che i prodotti, gli snacks, i biscotti, i surgelati, i piatti pronti anche dopo aver seguito alla lettera i suggerimenti di cottura, si differenziano notevolmente dall’immagine riportata sulla confez…

    6. Trashfood
      settembre 1st, 2006 23:18
      6

      The Blogday after…

      Lo so, il blogday è passato, ma ieri sono stata fuori tutto il giorno e non sono stata puntuale all’appuntamento. Allora mi sono inventata The blog day after. Vecchie e nuove conoscenze tra i blogs. Inizio con  Horty,curato da una……

    Lascia un commento