home

Leggi gli aggiornamenti in home page

22/06/2006

Groove & Noir. Il mito attraverso un bicchiere.

di Enrico Bianda, alle 17:34

“Alla fine lo beccai, Abraham Trahearne: lo beccai che beveva birra in compagnia di un bulldog alcolizzato, tale Fireball Roberts, in una sgangherata bettola appena fuori Sonoma, California, intento a spremere anche le ultime gocce di un bel pomeriggio di primavera”.
James Crumley, L’ultimo vero bacio

Pillola numero tre (e quattro)

Groove & Noir
Groove & Noir
Il trio fantastico si conclude con la figura leggendaria di James Crumley, maestro di molti, guida spirituale e animatore di comunità di scrittori. Oggi. In passato, e forse ancora, animato da un’indiscutibile passione per il bicchiere, almeno così dice chi l’ha incontrato e ne ha scritto, come Antonio Monda su Repubblica qualche mese fa.
Di Crumley non si sa tantissimo, non che sia uno scrittore maledetto ed imprendibile, ma forse perché non ha molto interesse che cosa faccia e quando. Ha scritto qualche romanzo strepitoso, e ci basti.

Luca Conti ha ritradotto il romanzo da cui forse il noir è ripartito negli anni 70, si intitola L’ultimo vero bacio.

Turner, Griffin, Sughrue, sono figure di riferimento, archetipiche di un certo modo di raccontare l’america attraverso il genere, e già abbiamo detto che non solo di noir si tratta, ma di romanzi. Spesso enormi. Uomini attraverso territori, specchio di un paese. Fino a dove? Mario Maffi

Scarica l’mp3 (1,68 mega ca., 3,40 minuti), sottoscrivi l’rss (o aggiungilo sul tuo itunes), oppure clicca sulla freccia per ascoltare

Audio clip: Adobe Flash Player (version 9 or above) is required to play this audio clip. Download the latest version here. You also need to have JavaScript enabled in your browser.

[tags]James Crumley, Luca Conti, Mario Maffi, Noir[/tags]


  • Groove & Noir. Polvere e foreste per cuori solitari.
  • Groove & Noir. A mezzo miglio di distanza.
  • Jeppo ‘o killèr. Makkox per Webgol, un noir sfigato per l’estate.
  • Jeppo o’ killer e il sistema di irrigazione

  • 2 Commenti al post “Groove & Noir. Il mito attraverso un bicchiere.”

    1. Antonio Sofi
      giugno 22nd, 2006 18:01
      1

      L’ultimo vero bacio, romanzo pazzesco, a modo suo dolcissimo, una dolcezza che si misura ogni miglia percorsa di notte. Sembra strano: ma funziona meglio con il caldo (e se dopo leggi Sallis o Landsdale, ristrano, ma li apprezzi di più)

    2. Santa
      giugno 23rd, 2006 07:52
      2

      devo averlo da qualche parte, tra i libri, in attesa di.
      Se con il caldo funziona meglio, mi sembra sia arrivato il momento di leggerlo…

    Lascia un commento