home

Leggi gli aggiornamenti in home page

07/03/2006

Manifesti animati

di Antonio Sofi, alle 12:15

A proposito di sovrapposizioni di manifesti segnalo una riflessione di Matteo Pelliti sul tema – il riferimento è a quei manifesti “animati” con le listelle che scorrono, sfumano da un messaggio all’altro e, a suo parere, mandano un messaggio di

Sovrapposizione
Sovrapposizione
sostanziale equivalenza, contiguità, complementarietà dei diversi messaggi politici dei due schieramenti. Le strisce ruotano rapidamente, ogni 20 secondi circa, lati di tanti triangoli che ricompongono di volta in volta i tre messaggi, nell’ordine: Forza Italia- Margherita- UDC, ad libitum. Nelle principali rotatorie di snodo del traffico urbano. Tutto il giorno. Tutti i giorni. C’è un momento, che l’occhio non coglie – ma che alla coscienza e alla “coscienza” della macchina fotografica non sfugge – nel quale l’incompleta rotazione delle strisce crea un effetto di reale sovrapposizione dei messaggi. O forse si tratta di un unico messaggio così composto: Più tasse sui tuoi risparmi? No grazie – Sei pronto ad uscire? – Più sostegno alla famiglia – Io c’entro.


  • Seguela, e l’affissione che cristallizza
  • Il cantico di Rumiz
  • La legge di Pasquino (non il politologo)
  • Più Berlusconi meno Veltroni, ma viceversa per i partiti

  • 2 Commenti al post “Manifesti animati”

    1. Matteo
      marzo 7th, 2006 16:40
      1

      Grazie Antonio per la ripresa e segnalazione dell’osservazione…

      L’effetto di “transizione” è ancora più straniante quando si passa, come accade in altre installazioni mobili qui in città, da Berlusconi a Prodi. E spero che la transizione, alla fine, non rimanga solo quella da un cartellone all’altro.

    2. durry
      marzo 9th, 2006 10:28
      2

      Sono sempre più convinto che ormai non importi più chi vinca le elezioni…tanto il potere resta a banche e multinazionali. siamo arrivati al punto in cui la politica è solo il balletto che ci distrae (e scarica la tensione) dai problemi del mondo.

      ciao ciao
      La mente allo specchio

    Lascia un commento