home

Leggi gli aggiornamenti in home page

09/01/2006

Impasse

di Antonio Sofi, alle 23:00

Orecchiato stasera ad Otto e Mezzo, ospite d’onore Silvio Berlusconi.

Ad una interruzione della conduttrice Ritanna Armeni, che ricordava al premier la presenza del fenomeno del precariato nel mondo del lavoro, Berlusconi reagisce d’istinto: “Signora, anche lei si fa influenzare dai giornali”.

Che (parola più parola meno) detto ad una che di mestiere fa la giornalista suona quantomeno dissonante, con un simpatico retrogusto da vera e propria impasse filosofica.

Un po’ come sostenere che un calciatore si faccia influenzare dalle partite che vede, un medico dagli interventi cui assiste, un disegnatore dai fumetti che legge (esempio più esempio meno).

A pensarci su più di cinque minuti, non se ne esce.


  • No related posts

  • 16 Commenti al post “Impasse”

    1. zoro
      gennaio 9th, 2006 23:33
      1

      e lei che ja risposto “abbastanza” m’ha fatto ride

    2. antonio
      gennaio 9th, 2006 23:37
      2

      stavo ridendo anche io, e mi son perso l’abbastanza, che in effetti è una ‘signora’ risposta

    3. lorenzo
      gennaio 10th, 2006 00:10
      3

      è come dire a un blogger che si fa influenzare dai blog ;-)

    4. enrico
      gennaio 10th, 2006 06:38
      4

      il mio ego straripante mi influenza… e glielo lascio fare

    5. sergio maistrello
      gennaio 10th, 2006 07:01
      5

      non è mica che si fa influenzare dai politici, il presidente del consiglio?

    6. Effe
      gennaio 10th, 2006 10:18
      6

      basta che l’influenza non sia quella aviaria (farsi influenzare dai polli, suvvia, un po’ di dignità)

    7. Dario
      gennaio 10th, 2006 18:33
      7

      Che diamine è il “fenomeno del precariato”? Finché le domande vengono fatte senza cognizione di causa, si dà sempre l’impressione di non sapere che cosa si chiede e si lascia lo spazio per la demagogia più becera che sia o meno del nano pelato.

    8. mauro
      gennaio 10th, 2006 19:27
      8

      basta che alla fine ci facciamo impressionare dall’affluenza…

    9. Daniele
      gennaio 10th, 2006 22:08
      9

      Ricapitoliamo…

      quindi io che son precario mi lascio influenzare dal precariato, ma il precariato è creato dai giornalisti, quindi se smetto di comprare giornali il precariato non esisterà più e io troverò un posto fisso…. ho capito bene? :)

    10. Antonio
      gennaio 11th, 2006 10:03
      10

      Come immaginavo i vostri esempi più esempi meno sono molto più calzanti dei miei.
      Specie quello di Sergio, come accusa sconforterebbe i più sensibili tra i nostri tribuni :)

    11. Antonio
      gennaio 11th, 2006 10:08
      11

      Più che una domanda in effetti era una interruzione al monologo stile voce-dalla-platea: e credo sia stato questo a influenzare (appunto) la reazione istintiva (a parte il “signora”, che ho sentito non solo da lui in situazioni simili, e che trovo, sono il solo?, particolarmente fastidioso e mellifluo – perchè spesso non viene rivolto ad un uomo, anche privo di titoli di vario tipo).

    12. Daniele
      gennaio 11th, 2006 20:25
      12

      Oltre ai già calzanti esempi che mettono in risalto l’impasse logico-filosofica “diretta”, mi sembrerebbe interessante rilevare anche un autogoal “indiretto” del nostro inneffabile premier:
      ma lui stesso non è forse (direttamente o indirettamente) editore e patron di giornali e televisioni?
      Ammette allora che i media (anche i suoi) intendono influenzare la loro audience?

      Saluti ad Antonio e ancora complimenti per i post sempre stimolanti e divertenti di Webgol!

    13. Dario, fiero di FdB
      gennaio 12th, 2006 10:04
      13

      E non vogliamo parlare del passaggio di ieri notte (11 gennaio), ore 1:51 (è stato un momento di storia della tv) a Porta a Porta quando un De Bortoli provocato e provocatorio ha chiesto a Berlusconi, in merito alle vicende Bancopoli e compagnia bella, se non credesse che esista ancora la massoneria, lui ha risposto: “Che io sappia, non esiste”?

    14. OrlandoFurioso
      gennaio 12th, 2006 12:20
      14

      Silvio è immortale.
      Quando sembra affondare inesorabilmente, trova sempre il jolly, la carta che ribalta la partita.
      Sembrava finito ed invece, zac, un rapido colpo di vento e lui torna lì al suo posto di comandante alla faccia di chi, come Ferrara, lo aveva abbandonato. Sicuramente ha commesso una caterva di errori, ma come non riconoscergli le sue qualità di leader?
      Che sia davvero unto dal signore?:)

    15. Noantri
      gennaio 12th, 2006 13:14
      15

      Che poi, nel suo delirio ormai post-moderno, Berlusconi ha detto una cosa mica sbagliata. Tutti i professionisti si lasciano influenzare (a volte troppo) dai loro corrispettivi colleghi. Tutti gli scrittori sono influenzati da altri scrittori, tutti gli attori, i cantanti, gli ingegnieri, gli architetti. Chiunque segue la scia di uno che l’ha preceduto; Berlusconi Silvio, per esempio, nel suo programma politico non si lascia forse influenzare eccessivamente dalle commedie di Neil Simon?
      [Ste]

    16. the o.c.
      aprile 23rd, 2006 13:19
      16

      anche meno

    Lascia un commento