home

Leggi gli aggiornamenti in home page

15/09/2005

Giornalisti bloggati?

di Antonio Sofi, alle 16:53

Ullallà, non me ne ero accorto.

Parlo dell’articolo sul corriere dal titolo: “Fenomeno blog, li segue un giornalista su tre. Sottotitolo: Utilizzati come fonte di informazione. E il 33% ne ha uno proprio.

Qui il comunicato della Digital Pr della Hil&Knowlton Gaia che ha curato la ricerca. E qui il pdf completo.

La ricerca dice qualcosa di interessante.
Ma, essendomi occupato in più ruoli di ricerche e sondaggi, ho sviluppato una particolare idiosincrasia verso le ricerche non supportate da indicazione della metodologia utilizzata.
Se non c’è rappresentatività statistica del campione, un sondaggio è come ascoltare le chiacchiere al bar.

In questo caso, non si capisce, e io sospendo il giudizio: il Corriere dice 400 giornalisti (generico), ma nè nel comunicato di sintesi, nè nel pdf ve ne è menzione (ma si parla di “testate nazionali”).

Inoltre nel pdf della ricerca, all’indicazione delle aree di specializzazione del campione c’è un 50% di giornalisti specializzati in “tecnologia”: rappresentativo dell’universo giornalisti?
Forse è semplicemente una costruzione un po’ elastica del campione a far uscire dati quali: 25% dei giornalisti hanno un blog “indipendente”, e un 5% hanno un blog all’interno di strutture redazionali?

(continua qui)


  • Citizen what?
  • Giornalisti bloggati 2
  • Ona Italia. Giornalismo digitale (iper)locale.
  • Con i blog, tutti giornalisti? Un incontro a Roma

  • 5 Commenti al post “Giornalisti bloggati?”

    1. b.georg
      settembre 15th, 2005 17:53
      1

      sempre detto chei giornalisti sono perditempo
      (io sono giornalista)

      :)

      ps
      i giornalisti taroccano anche i sondaggi, è notorio. così tutto si tiene

    2. PlacidaSignora
      settembre 15th, 2005 18:12
      2

      Mah…Forse intende anche tutti quei giornalisti che hanno blog legati alle grandi testate (penso a Repubblica), o quelli che li hanno in posti tipo Virgilio o similaria (siti “femminili”, sportivi ecc), ma che non seguono affatto in prima persona (imprestano solo il nome). E poi, effettivamente conosco parecchi colleghi che hanno un blog, ma che lo mantengono sotto uno stretto, strettissimo anonimato… ;-)
      Ciao teso’, appena ho un po’ di tempo (e calma) rispondo :-**

    3. Carlo Felice
      settembre 15th, 2005 18:44
      3

      In realtà ci sono due luoghi nei quali viene fatto il numero 400: in questa sezione e in questo articolo rintracciabili nel sito della Digital.

      Ma non è questo il punto. Diversamente da te non mi sono interessato mai di metodologia delle ricerche, ma occupandomi (per passione e per lavoro) di giornalismo, so che il Corriere e l’agenzia dalla quale è stata tratta la notizia hanno commesso un errore piuttosto evidente e – ahimé – piuttosto frequente: fidarsi di un comunicato stampa senza andare alla fonte della notizia, ossia la ricerca (che era piuttosto facile da rintracciare, come abbiamo dimostrato in parecchi: per esempio tu, Mauro Lupi e il sottoscritto). Fossero andati a leggere quel pdf avrebbero fatto scoperte interessanti: per esempio che i risultati erano riportati senza alcuna introduzione che spiegasse il perché e il percome della ricerca; nell’ultima pagina, avrebbero poi avuto la prova provata che il campione non può essere rappresentativo dei giornalisti italiani: quasi il 50 per cento dei giornalisti che hanno risposto si occupa di tecnologia, oltre il 40 per cento di economia e solo poco più del 10 per cento di cronaca. È evidente anche a un profano che queste non sono percentuali che rispecchiano il mondo del giornalismo italiano ed è altrettanto evidente che è più facile trovare chi frequenta blog fra i giornalisti che si occupano di tecnologia che in quelli che scrivono di altri settori.

    4. antonio
      settembre 15th, 2005 20:42
      4

      B. georg: dici? diciamo che, per amor di notizia, interpretano un po’ troppo… Così si può dire?
      Placida: ma guarda che sarebbe una ricerca estremamente interessante, ma molto: solo che èmolto più complicata di quelo che sembra…
      Carlo felice: grazie, come sempre…:)

    5. rocco
      settembre 20th, 2005 11:59
      5

      Anche io faccio il giornalista (o almeno ci provo) e ho il mio blog
      http://www.roccocirocco.blog.tiscali.it

    Lascia un commento