home

Leggi gli aggiornamenti in home page

20/07/2004

Why soccer is just child’s play in America

di Kerry Crawford, alle 18:52

child's soccerSomewhere just before adulthood, Americans tend to drop the ball. Almost every American child grows up playing soccer with the children in the neighborhood, with a school team, in the alleys with siblings, or with a recreational league on the weekends. But somewhere in the late teen years, the cleats are put away and the soccer ball is traded in for a life full of commotion in the world of business. However, since the United States increasingly strives to stay abreast of globalization, it is perhaps a major flaw that the world’s most popular game has not found a place in American hearts.

If America is to be considered “the sleeping giant of world football still to be roused,” as Weinberger writes, then the endeavor of creating a unified and national soccer team lies in the hands of those children and immigrants who have not yet forsaken the sport. Soccer in America is kept alive, though feebly, in the schoolyards and back alleys by those who have not yet been assimilated into the fast-paced nature of the American culture. It is in these forgotten places that the true spirit and love of the game are allowed to flourish, and it may be a while before the attention of the crowd-filled stadiums turns to soccer.
Yet, is the attention of those in the stadium ever fully directed to the game anyway? Not in the United States.

In the quest to conquer the limitations of time, Americans as a culture have learned to “multi-task”- to do far too many things at one time, all the time. Those who can afford entrance to professional sporting events in the United States rarely devote their total consciousness to the teams battling in the field below. Businessmen bring clients to baseball games in an effort to appear casual and non-threatening, while negotiating a deal in between outbursts of disagreement with the umpire’s decisions. Guilty parents bring their children to football games, hoping to make up for all the time they can’t spend at home during the week by purchasing team hats and jerseys, hot dogs and popcorn, and constantly leaving their seats to run to the restroom or the ice cream stand. Even devoted fans take breaks to make and take cell phone calls or get up to buy peanuts or another beer. At any given moment during the game, it is a safe assumption that only about half of the spectators are actually watching. And those Americans who watch their local team on television find it hard to sit through the entire game: after all, the constant stream of commercial breaks between quarters or innings, replays, and player substitutions is enough to impede anyone’s attentiveness. Somehow, it is entirely possible to watch the game, check your email, walk the dog, take out the trash, and even call a friend at the same time, without ever missing much of the action. After all, if you miss the slam dunk, home run, or field goal that changed the outcome of the game, there will be sixteen replays in the next hour alone, the play will be highlighted on the evening news program, and it will appear in the next day’s newspaper.

Very few things can capture the full attention of the average American, and perhaps that is why soccer has slipped through a cultural gap.
Maybe the absence of the United States in the world of soccer can be attributed to the fact that Americans never like to lose. Both the lack of national support and the inability to muster up and maintain a unified American team have caused Americans to hold on to their traditional sports. Baseball is the “Great American Pastime”- there’s absolutely no threat of losing dominance there; the NBA is branching out internationally, but it is far from obtaining the world wide appeal that soccer holds; and it seems that only in the United States would football, a game of overstuffed and sweaty men tackling each other to get a ball to the other side of a field, ever become very popular.

Soccer on the professional level is something completely unknown by many Americans- it is a thing beyond the borders of both country and comprehension.
Indeed, those who play and exemplify the passion of soccer in America do not have the means to bring the United States into the realm of worldwide soccer. Their skinned knees, broken toes, and bruises may demonstrate their devotion to the game, but will go completely unnoticed by the masses that flock to stadiums with several agendas. No one sells beer, popcorn, peanuts, and baseball caps on the grassy school yards or dilapidated inner-city side streets- but these places are soccer’s American homes. Those Americans who truly love soccer are rarely old enough to hold a high school diploma, and many do not speak English, but these are the people who keep the game alive.

And, in a way, the absence of American commercialism in soccer has helped the game to stay pure. The Superbowl has been exploited by corporations to the point where most people only watch the game to see the extravagant, multi-million dollar commercials. American sports celebrities fight with team owners to get $80 million dollar contracts, but children play for the sheer joy of kicking the ball around with friends. It is innocent and pure in its current form.

Americans’ lack of devotion to the world of soccer is most likely a subconscious isolation, brought about by intrinsic pride and fear of inferiority in any sphere, as well as the worn in and comfortable state provided by traditionally “American” sports like baseball and American football. Perhaps the sleeping giant will awaken in a few years and carry an American team onto the international field, but at the moment, the game is confined to school yards and quiet streets.


  • Why don’t American like soccer?
  • Do iù spik english?
  • World Wide Soccer
  • Perchè agli americani non piace il calcio?

  • 3 Commenti al post “Why soccer is just child’s play in America”

    1. tony's space
      ottobre 2nd, 2006 19:12
      1

      [Leggi  http://www.webgol.it/2004/07/20/why-soccer-is-just-childs-play-in-america/   per un approfondimento]

    2. Matteo
      giugno 29th, 2007 22:46
      2

      Come mai il calcio non è popolare in America…ma è ovvio….in America c’è il Basket sport primo nel mondo(ampliate la vostra cultura) e, sempre ammesso che conosciate il Basket, provate a fare un paragone fra i due sport…capirete sicuramente che le emozioni, la suspance, la spettacolarità e molto altro che può offrire il Basket sono sicuramente migliori di quello che può offrire il calcio.
      Ma come confrontare una partita di calcio che finisce a rigori con una di Basket che conclude con un tiro all’ultimo decimo di secondo(possibilissimo) e che può farti vincere o perdere una partita…Dai apriamo gli occhi l’Europa si deve rendere conto che se si mettesse in luce la Pallacanestro in tv,nelle manifestazioni, nella società,fra giovani e meno giovani allora anche qui il modo di vedere questo sport cambierebbe sicuramente in meglio fino a far salire il Basket al primo posto anche qui, cosa che succederà lo stesso anche sensa questi privilegi. Mammamia che Montepaschi, forza bianco-verdi!

    3. Matteo
      giugno 29th, 2007 22:48
      3

      Guardatevi una bella partita di Basket di Serie A.

    Lascia un commento

    20/07/2004

    Why soccer is just child’s play in America

    di Kerry Crawford, alle 15:51

    [Traduzione di Daneel. L’originale in inglese è qui]

    child's soccerArriva un momento, appena prima dell’età adulta, in cui gli americani tendono a dire addio al pallone.
    Quasi ogni ragazzino americano cresce giocando a calcio con gli altri della sua età nel vicinato, con una squadra scolastica, con i fratelli nei vicoli o con un circolo ricreativo nei fine settimana. Ma, attorno agli ultimi anni dell’adolescenza, gli scarpini vengono messi via e la palla da calcio viene scambiata con una vita frenetica nel mondo degli affari.

    Comunque, considerando che gli Stati Uniti si sforzano di marciare sempre più di pari passo con la globalizzazione, è forse un neo importante che il più popolare gioco al mondo non abbia trovato un posto nei cuori degli americani.
    Se l’America è considerata “il gigante dormiente del mondo del calcio ancora da risvegliare“, come Weinberger scrive, il tentativo di creare una squadra di calcio nazionale e unificata è nelle mani di quei bambini ed immigrati che non hanno ancora abbandonato tale sport.

    Continua a leggere »


  • Why soccer is just child’s play in America
  • Why don’t American like soccer?
  • Do iù spik english?
  • World Wide Soccer

  • 9 Commenti al post “Why soccer is just child’s play in America”

    1. polenta
      luglio 21st, 2004 01:33
      1

      punto di vista interessante, poco calcisticamente competente, ma interessante. e maschilista di brutto, visto che il calcio conta più donne praticanti in club ufficiali che bambini in fondo a cortili dove la lingua di stato non arriva. tuttavia nello sport la purezza è meno rilevante che in un bordello tahilandese: soprattutto per chi lo guarda. è non si può convertire ad uno sport qualsiasi un popolo intero se non a condizione di fargli vedere che c’è chi lo fa meglio e che chi lo fa meglio ha la stima e la considerazione del suo ambiente sociale. soldi compresi. cose che possono lasciare indifferente un singolo, ma fanno di sicuro presa in un consorzio umano allargato. forse dovevo scrivere dei secondo me qui e là, ma ho la vena predicatoria stanotte. amen

    2. djOlona
      luglio 21st, 2004 13:56
      2

      I HATE SOCCER! :)

    3. Antonio
      luglio 21st, 2004 14:39
      3

      Mi ha colpito, in questa lunga e densa riflessione della nostra amica americana, il fatto che, in fondo, non è che i nostri sguardi oltreoceano avessero così completamente sbagliato la messa a fuoco.
      Ci sono entrambe le cose che avevamo intuito.

      Una differenza ontologica tra i due sport, che rende il calcio poco compatibile con le consuetudini di fruizione sportiva (e commerciale) americana. Mi ha incuriosito molto la stima del 50% degli spettatori che in un dato momento della partita davvero seguono il gioco. Sempre rimanendo nell’ambito delle stime soggettive, sia allo stadio che a casa, direi che un 90% sia un dato probabile. La fruizione olistica è davvero l’unico modo per apprezzare una partita di pallone. Questo spiega la sorpresa degli europei nel vedere il comportamento degli spettatori americani ad una partita (mia esperienza: football universitario), e, a ben pensarci, anche il fenomeno delle cheerleaders, che fungono da interruzione pubblicitaria vivente e danzante.
      Seppur piacevoli a vedersi, a dire il vero – e spesso molto più dei ragazzoni in armatura :)

      E poi, una sorta di un isolazionismo culturale, dice Kerry “causato da un orgoglio intrinseco e dalla paura dell’inferiorità in ogni campo”. Una tendenza autarchica che poi, a ben vedere, non è certo solo americana, ma di tutte le culture più o meno (con)chiuse. Anche in Italia è così, riguardo a molti sport. Stupisce solo un po’ di più che sia l’America, tutto qui; che non riesce a tirar fuori soldi, attenzione, privilegi, “primacy” da uno sport così diffuso nel resto del mondo.

    4. Antonio
      luglio 21st, 2004 14:49
      4

      Mauro, penso che tu abbia centrato un punto fondamentale con “non si può convertire ad uno sport qualsiasi un popolo intero se non a condizione di fargli vedere che c’è chi lo fa meglio e che chi lo fa meglio ha la stima e la considerazione del suo ambiente sociale”.
      Fammi capire se ho capito cosa vuoi dire. (e ritorniamo dallo sport alla politica – anche se dal basso). Proprio il fatto che al calcio ci giocano o i bambini, o gli immigrati, o comunque i ceti sociali più bassi se da una parte lo mantiene puro (ma tu chiosi: e chi se ne frega – e ho capitola provocatorietà della chiosa, ma forse non è poi così ininfluente, questo dato “qualitativo”), dall’altra impedisce che questo sport si diffonda. Non mi viene l’esempio italiano.

      Ma, per esempio. L’altra domenica sono andato a fare un giro al Parco delle Cascine. Lì c’è tanto spazio verde (l’unico a Firenze, sigh), e si formano presto gruppetti di persone giocanti. chi con il pallone e le porte fatte di zaini o magliette, chi a pallavolo. Poi ci sono gruppi di immigrati asiatici che giocano a cricket (me l’ha fatto ricordare livefast in un altro commento), con tanto di spettatori plaudenti. Ora, fatte le debite differenze (e sono molte), non potrebbe sussistere, come scrive Livefast “agli americani non piace il calcio per lo stesso motivo per cui agli italiani non piace il cricket che invece i pakistani adorano.”
      Cioè, tradotto in rapporto a quello che scriveva Mauro, perchè sono sport giocati da 1) minoranze e 2) immigrati e/o ceti bassi?
      è inevitabile? è normale? è una forma di razzismo? o una normale forma di tradizionalismo culturale?

    5. polenta
      luglio 21st, 2004 19:32
      5

      sì Antonio, è esattamente così, salvo il riferimento ai ceti umili. se nel mio gruppo sociale ho come modello di riferimento un calciatore, posso desiderare di emularlo anche se sono di famiglia agiata. vialli non è povero, non lo è mai stato e riesce perfino a parlare un italiano decoroso.
      per un pakistano che cosa rappresentava il cricket? lo sport della classe dominante in loco, non semplicemente dei loro padroni commerciali. al periodo ante castro corrisponde il radicamento del baseball a cuba, per esempio.
      un rafforzamento del concetto, secondo me (stavolta l’ho messo), può venire dall’osservazione che la massima esportabilità dei modelli si ottiene con gli sport di squadra.

    6. Red Apple
      luglio 21st, 2004 19:42
      6

      Un commento che non ha nè testa nè piedi ma solo un valore di suggestione. Un mesetto fa sono stata a Lipsia e l’unico dettaglio che mi ha fatto sentire in Europa (euro a parte) è stato un grosso pallone istallato nel bel mezzo della piazza principale proprio per gli Europei di calcio, accanto al pallone uno schermo gigante per vedersi le partite. Mi sono ricordata di questa cosa quando ho letto quello che Kerry Crawford dice sulla difficoltà da parte degli Stati Uniti ad avere una squadra di calcio unificata che li rappresenti. Nessuna difficoltà, invece, ad unificare l’Europa attraverso la passione per questo sport…fosse così semplice per tutti gli altri settori… La domanda, tuttavia, rimane, perchè da noi il calcio ha questo potere e da loro no?
      Anche a volerlo, non riesco proprio a trovare mezza risposta; come qualcuno sa già la mia assenza di pathos per questo sport mi ha già portato a varie figuraccie e vorrei evitarne altre. Una tra tutte è successa proprio durante gli ultimi Europei, alla domanda chi tiferesti se l’Italia uscisse ho risposto serena e convinta…. Brasile!
      ;-)

    7. raquel
      luglio 21st, 2004 20:06
      7

      Il calcio ancora non è molto difuso negli Stati Uniti WASP, ma sicuramente lo è negli Stati Uniti hispano-brasiliani della costa ovest.
      Non so se il calcio è solo un gioco per bambini, ma il bello è che spesso ci rende bambini. Non imaturi: bambini.
      Quanto agli americani ancora non mi interessano dal punto di vista calcistico.

    8. Damiano
      luglio 23rd, 2004 19:11
      8

      Quello che posso dire, a favore degli sport americani, che e’ paraticamente impossibile stare dietro a tutta la partita (hockey, baseball, basket, football americano), perche’ queste durano , minimo , due ore e mezza.
      Inoltre questi sport sono radicati nella cultura americana come il calcio in AMerica LAtina e in Europa (in alcuni paesi, tipo Inghilterra e Francia, sono cricket e rugby, rispettivamente, sport nazionali, non il calcio, anche se quest’ultimo rimane molto famoso).
      Parlando dell’Italia, il calcio e’ come il baseball o football americano negli USA: i giocatori sono considerati divi e vengono pagati ” l’ira di dio”, quindi per me non c’e’ da sorprendersi se il calcio non e’ famoso negli USA ; solo perche’ non e’ nella cultura nazionale.
      Come lo sport fa parte di qualsiasi cultura nazionale, e’ ovvio, come ogni nazione ha la propria cultura, ha anche il proprio tipo di sport.

    9. Jane
      febbraio 16th, 2006 02:26
      9

      personals

      personals dating personals personals

    Lascia un commento