home

Leggi gli aggiornamenti in home page

15/07/2004

Essere juventini a Firenze (e dintorni)

di Claudia Maggini, alle 12:01

Vademecum per la sopravvivenza

zebra3.jpgSembra facile, ma non lo è affatto.
Si può pensare che tifare Juventus sia un gioco da ragazzi, che non comporti terribili sforzi fisici e mentali. Non è così, invece, soprattutto se hai la fortuna di nascere in una città come Firenze. Cosa ci può essere di più gratificante, direte voi? Sfotti i fiorentini 365 giorni l’anno, godi per le loro retrocessioni, fallimenti, sconfitte. Ironizzi su Riganò, Graffiedi e Maggio, su quanto è brutto Fantini, su Della Valle e le scarpe Tod’s. Ridi di Cecchi Gori che sbaglia un congiuntivo su due sniffando zafferano con la Marini. Ti vanti delle due stelline gialle sul petto (quasi tre), del fatto che tu giochi al Bernabeu mentre loro arrancano in C2 contro l’Aglianese.

Nonostante ciò, la battaglia è aspra. Perché il vero tifoso viola è orgoglioso.

Ma il suo non è un orgoglio all’acqua di rosa, no. Ha un senso di appartenenza alla città e alla curva visibile in poche altre piazze italiane. Gonfia il petto e canta a squarciagola l’inno scritto da Narciso Parigi, soprattutto nel pezzo in cui dice “Ricorda che del calcio è tua la storia”. E’ quello il momento in cui emerge appieno l’orgoglio fiorentino, lì è sicuro addirittura di aver scritto la storia del calcio.

Questo potrebbe far pensare che lo juventino, forte delle sue molteplici godurie sportive, sguazzi nella beatitudine perenne, ma in realtà l’idillio è solo apparente. A terribili inconvenienti va incontro chi come me, è nato con le strisce sulla pelle al posto del giglio.
Ricordo che fin da piccola – ma piccola davvero – gli adulti, amici dei miei genitori mi chiamavano “gobba”. Dicevano, scherzando: “Fammi toccare la gobba, che porta fortuna”. Ci son stati dei momenti in cui pensavo di avere una malattia grave. Solo qualche anno dopo mi hanno spiegato, ed ho tirato un sospiro di sollievo.

Arriva un momento però, quando sei più grandicello, in cui diventi ipocondriaco. Se gli amici, o gli amici dei tuoi amici parlano di calcio e vuoi riscuotere un minimo di simpatia ti conviene tacere. In quei momenti penso sempre: perché non prendere in considerazione, che so, il tennis…
Ecco, potrei tifare per Moya che è pure belloccio. E, cosa essenziale: chi si metterebbe a discutere con te sul match Federer-Roddick?

Negli ultimi tempi si sono sprecate le barzellette sull’Inter. Se dici Inter dici sconfitta. Ma un giorno l’Inter vincerà pur qualcosa e allora cambierà il vento. Ma per noi juventini non c’è speranza. Vinci o non vinci, cambia poco.
Insomma essere juventini (soprattutto a Firenze) non è per niente facile. Ecco alcuni esempi:

– Se sei donna e conosci un bel ragazzo in piazza Santa Croce, alla fine della conversazione puoi anche sentirti dire: “Guarda, non eri male… peccato tu sia gobba”.
– Se capita, come è capitato diverse volte negli ultimi anni, di perdere tre finali di Champion’s League, devi tenere il telefono spento per almeno due giorni. Altrimenti, in un momento di rabbia acuta potresti rovinare amicizie decennali.
– Devi rassegnarti: sei un ladro. Quando vinci, hai rubato; quando perdi, hai rubato lo stesso. Insomma, di quello che hai conquistato, niente ti sei meritato. Nell’82 hai tolto dalle tasche della Fiorentina uno scudetto, all’ultima di campionato (rubando, logicamente). Da lì il detto “Meglio secondi che ladri”. Non preoccupatevi, anche tra cent’anni ve lo rinfacceranno. Il fiorentino non perdona e non dimentica.
РSoffri anche per una partita come Fiorentina-Perugia, che ̬ interessante quanto un film di Vanzina. E la stessa notte devi entrare sotto le coperte coi tappi nelle orecchie, perch̩ ogni strombazzata di clacson ̬ una pugnalata al cuore.
– Se hai perso l’Europeo in finale nel 2000, se sei finito fuori dal Mondiale nel 2002, e se è andata nello stesso modo in Portogallo, è colpa di Del Piero. Ed è un po’ colpa tua anche, perché lo difendi con le unghie e con i denti.
– Non sei solo ladro, sei pure drogato fino alla punta dei capelli e i tuoi dirigenti sono mafiosi.

Essere juventini a Firenze.
A ben pensarci, non è poi così male.


  • Faccio opt-outing.
  • I (discutibili) vantaggi di andare avanti e indietro
  • La neve, il tempo, le foto on line
  • La sfilata di Firenze dopo Italia-Germania

  • 7 Commenti al post “Essere juventini a Firenze (e dintorni)”

    1. [•] - RSS/ATOM Feeds Aggregator
      febbraio 17th, 2008 00:36
      1

      e delle pretestuose polemiche e delle ingiuste critiche e degli arbitri ecc. ecc. (shht, non diteglielo che non sono juventino altrimenti mi tolgono – forse causa della iscrizione è stato questo post di quattro anni fa di claudia maggini sull’essere juventini a firenze). allora, nella mia beata ingenuità – se fino a qualche settimana fa accettavo di dedicare 30 secondi ogni mattina a cancellare quella posta (non stiamo parlando di spam: quello gmail, santo, lo acchiappa tutto) – due settimane fa mi sono detto, con

    2. Lizaveta
      luglio 15th, 2004 23:00
      2

      Guardi cosa ho fotografato l’altro giorno
      Quando i nemici convivono :)

    3. alezano
      luglio 30th, 2004 03:32
      3

      almeno il fiorentino non e’ rompicoglioni come te…meno male…ah se poi riuscite un giorno a cantare allo stadio invece di restare a casa se ne puo’ anche riparlare…ci si vede allo stadio!

    4. Marco
      gennaio 3rd, 2006 13:03
      4

      io son un tifoso viola (assolutamente e pienamente viola).
      Io, ripeto io, ti considero una ragazza qualunque il fatto che tu sia juventina a me cambia poco, và tranquilla che ho molti amici juventini e con nessuno di loro ho mai litigato.
      Quindi…
      volevo solo farti sapere che nn tutti i fiorentini son così.
      by Marco

    5. Marco
      gennaio 3rd, 2006 13:05
      5

      dimenticavo…

      magari nn è ladro il tifoso
      ma il gioco intero

    6. Roberto
      gennaio 25th, 2009 10:35
      6

      vedo che hai postato nel 2004…
      se ne sono scoperte di cosa da allora, non credi?
      hai mica visto la partita di ieri sera?
      difficile fare la storia del calcio quando ti rubano tre partite di fila…

      siete proprio gobbi

    7. kikka viola
      giugno 2nd, 2009 15:14
      7

      è da un pezzo ke nn vi sento più!!!!!cs avete fatto???ora pensano solo all’inter e nn più a voi…POVERINI!!!!!!!quanto mi dispiace!!!!cmq nn è male avere un amico(più ke amico) juventino…nn si è mai discusso su qeste cose…cmq FORZA VIOLA PER SEMPRE!!!!!!!!!!!!!!!
      by kikka viola

    Lascia un commento