home

Leggi gli aggiornamenti in home page

09/03/2004

Una musica dentro le frasi

di Gaia Capecchi, alle 11:02

sax, foto di Gaia CapecchiDa quando Webgol ha inaugurato l’argomento musica, sono in ambasce.
Volevo scrivere un pezzo fulminante, una specie d’improvvisazione parkeriana che lasciasse tutti di stucco. Qualcosa che avesse a che fare con quegli assoli che escono così assoluti e perfetti da diventare essi stessi temi impossibili da dimenticare. Volevo una cosa magari fumosa e struggente come certe balere contiane, dove t’infili per caso e non esci più, perché dentro ci trovi un ballerino con l’occhio allungato che ti guarda come un lupo e come un lupo ti fa ballare e poi ti mangia in un solo boccone. Pensavo poi magari a una cosa pensosa e lunare tipo Bill Evans, da allungarsi sulla sedia mentre la leggi, di notte, intorno il silenzio e nella testa ossessivi pensieri lontani. Avrei voluto parole che uscissero affilate e nitide come dalla tromba di Miles, gemme durissime e isolate, che brillassero di rarefatta poesia, irraggiungibili. Mi piaceva l’idea di un torrenziale insistito calipso narrativo rollinsiano, dove partire e ripartire continuamente, sfinendo il lettore con una specie di pazzesco sole caraibico. Sarebbe stato bello. Trovare una musica per scrivere di musica. Fare che qualcuno si alzasse dalla sedia davanti allo schermo e invitasse una donna sconosciuta formosa e distratta a ballare una rumba; oppure stringerla forte e dondolare piano, mentre tutti vanno via. Trovare una musica così dentro le frasi.
Invece non l’ho trovata; il tema musicale ormai stempera verso la fine; giù, sul tavolino di vetro del soggiorno, si accatastano dischi bellissimi che mi feriscono e mi curano uno più dell’altro. Ma non so parlarne.
E questo è, in qualche modo, un piccolo dolore.


  • NeU Web: Giovani, idee, tendenze emergenti
  • Musica per una festa in cui non ti fanno entrare
  • Ridateci Clayderman e il suo pianoforte bianco e il singulto criminale
  • La musica sul Web è pronta al peggio. Andrea Girolami a Qdc.

  • 3 Commenti al post “Una musica dentro le frasi”

    1. miic
      marzo 9th, 2004 15:05
      1

      e invece hai saputo parlarne, ed è un piccolo piacere.

    2. Karen
      marzo 10th, 2004 16:12
      2

      Ciao :)
      Mi ero ritrovata a passare sul vostro vecchio blog, su splinder..e poi seguendo il link sono venuta qua ;)
      Complimenti, bel lavoro a tutti!! ^____^

    3. manu
      maggio 13th, 2006 22:49
      3

      cercavo “struggente” su gooogle e sei arrivata tu…
      grazie per le tue parole, nel fumo che non fumo più e conte che canta e mi racconta una storia d’amore che non so ballare, ma cerco ancora quella canzone struggente che non so più chi cantava, così bene che mi veniva quasi da piangere

    Lascia un commento