home

Leggi gli aggiornamenti in home page

12/01/2004

Photo Magazine

di Antonio Sofi, alle 00:30

Photo Magazine, a cura di Giuseppe Granieri I photoblog sono, semplicemente, blog i cui post sono soprattutto foto scattate dal blogger.
Una convergenza di semplicità e condivisione, un matrimonio innovativo tra un luogo-piattaforma in cui è semplice pubblicare (ossia condividere con un pubblico, piccolo o grande che sia) e un formato digitale che taglia di netto alcuni classici ostacoli analogici alla diffusione della fotografia come uso e consuetudine sociale, e narrativa.
Una sorta di vertigine condivisa, poter vedere qualcosa che un’altra persona ha appena visto e congelato in un clic, magari solo da pochi minuti. Una fotografia che si fa narrazione, pre-testo narrativo, pura quotidiana comunicazione (anche al di là delle esistenti barriere linguistiche).
Quando vedere è un po’ come leggere.
Una fotografia al di là del bene e del male.
Ovvero: al di là dell’arte, e del giornalismo. E vicina ad entrambi.

Lo scrivevo, più o meno, sei mesi fa.
E la mia impressione era, allora, che mancasse qualcosa. E precisamente uno strumento, e un luogo, dove poter aggregare le esperienze di fotografia a mezzo blog, ancora in parte scollegate tra di loro, e attraverso il quale dare al movimento photoblog un valore aggiunto di visibilità e identità comune.
Uno strumento e un luogo di segnalazione delle foto postate dai blogger, che rimangono però fruibili nel loro habitat naturale, cioè nel blog in cui sono state pubblicate. Quindi con una ben diversa accezione di un sito/luogo editoriale “classico”, come il bellissimo Photoblogger, per esempio, ora in fase di restyling.
La speranza accessoria (di ogni progetto di aggregazione; credo anche di questo) è che gli scambi e le relazioni tra i blog contribuiscano ad assumere la forma di un campo comunicativo di senso compiuto: e dentro un campo, si sa, è più facile giocare.

Lo strumento e il luogo ora ci sono. E’ il brand new Photolog Magazine, l’ennesimo gioiellino di Giuseppe Granieri.
Applausi.


  • Ondavè, diario scomodo dall’India (VII parte). La cittĂ  brucia
  • Barcamp a Matera
  • Hot spot
  • Centre Pompidou

  • Lascia un commento